Il Male si celava nell’incavo del castagno

Questo scritto è una celebrazione.
Una circostanza particolare, nel declinare del giorno tradizionalmente dedicato ai Morti, mi ha riportato ad un’Anima che mi fu cara ed al piccolo mondo senza strade dove avvennero i fatti, qui narrati senza nulla togliere o aggiungere allo scritto originale risalente al novembre 2014 e firmato da Eudaimonia.
Questa è la storia di Marianna, donna di montagna che amò senza essere altrettanto riamata e della quale, nel villaggio abbandonato lungo la strada che si snoda tra Verceia e Frasnedo e nelle acque antistanti l’Abbazia di Piona, udimmo il grido di dolore e di rabbia unitamente a quello della sua bambina, pallida e triste.
Questa è la storia di Marianna, del castagno che un fulmine spaccò nell’istante in cui quelle creature vennero uccise e del villaggio che, abbandonato dai sui abitanti entro poche settimane dall’orrendo misfatto, rimase disabitato per oltre un secolo.
Questa è la storia di Marianna e della sua bambina, che riportammo alla pace.
Buona lettura.22 settembre 2014
Dedicato a chi so io: che ti sia concessa Pace
Dedicato a Te che hai amato, hai sofferto, sei stata tradita, vilipesa, violata, orrendamente torturata e barbaramente uccisa per aver riposto fiducia negli umani.
Che ti sia concessa Pace.
Che tu possa finalmente volare alta e liberanovembre 2014
Il male si celava nell’incavo dei castagni
Novembre, mese di castagne e vino rosso. E dei primi freddi, nelle sere di un tempo contrastati attorno al camino o nella stalla, raccontando storie un po’ vere e un po’ inventate ai giovani perché potessero, quando fosse venuto il loro momento, tramandarle a loro volta. Storie belle e storie cupe, come quella che narrava di quando il Male si celava nelle fenditure delle rocce, nei torrenti turbinosi e nell’incavo dei castagni.
Fatti antichi e inquietanti portarono la gente dapprima ad evitare, e poi a dimenticare quei boschi. Fu così che questi iniziarono a vivere dell’energia delle Donne del Lato Oscuro, fu così che in essi si verificarono fenomeni orridi e strani, fu così che persone penetratevi prive della saldezza dell’intento scomparvero senza lasciare traccia.
Fu così che dai boschi iniziarono a provenire, specialmente di notte, baluginii, ululati, lamenti e grida che nulla avevano né di animale né di umano. Ma nessuno mai comprese, né mai intuì, che le rocce, i torrenti ed in particolare i castagni fossero in realtà le dimore delle Donne del Lato Oscuro.
Noi sappiamo solo che un giorno le Donne del Lato Oscuro lasciarono per sempre questo mondo abbandonandosi all’energia dell’ignoto ma non ci è stato tramandato se, ritrovato il cammino della profondità, continuarono o meno ad avere memoria delle persone che non conoscevano l’audacia dello Spirito.
Di quelle Donne scomparve ogni traccia, tranne che in alcuni luoghi particolarmente intrisi del dolore da loro patito a causa di quegli uomini che dapprima le blandirono, successivamente le braccarono, infine le torturarono orrendamente per poi ucciderle, non infrequentemente insieme con le loro creature, piccole, selvagge e libere Bambine di Potere. La libertà ha sempre fatto paura.Ma chi erano queste Donne del Lato Oscuro? Per le Donne di Conoscenza erano leggenda, per non pochi uomini e donne che vivevano in prossimità di certi boschi o villaggi abbandonati costituivano un incubo. Ed è così ancora oggi anche nelle città, per chi si fosse messo nella condizione di doverle temere.
Venivano impropriamente indicate come streghe o fattucchiere, nella più benevola delle ipotesi come Medicone o Donne delle Erbe. In realtà erano molto di più, e si muovevano in ben altre Direzioni.
Quando comparvero, partorite agli albori dell’Era Buia, per una luce nello sguardo, la capacità più o meno inconsapevole di far muovere o scomparire oggetti, far improvvisamente piovere o nevicare, guarire chi stava loro simpatico o procurare qualche accidente a chi le trattava male, vennero indicate come bambine strane quando non mezze matte, e temute. Non di rado furono schernite e isolate, allontanate ai margini del villaggio. Molte scomparvero, forse rapite, di tante non si seppe più nulla. Delle prime generazioni ben poche sopravvissero.
Le generazioni successive, quasi come quegli animali che geneticamente creano anticorpi, nacquero con la capacità di mimetizzarsi confondendosi con le altre bambine. Sembravano anzi un po’ tarde, e questa caratteristica fece sì che la gente non alzasse la guardia al loro cospetto.
Ritenute stupide, crebbero diventando povere contadine sulle quali non si poteva far conto e perciò nessuno le incaricava di incombenze rilevanti, nessuno si stupiva se scomparivano anche per giorni: erano tempi duri, se una persona mancava era semplicemente una bocca in meno da sfamare.
Ma nel villaggio non mancava mai almeno un’anziana che aveva compreso. E quando veniva il momento, silenziosamente e con discrezione, conduceva la bambina in un luogo particolare: una sorgente, una roccia, una radura, un certo albero dove, dopo aver trascorso il Tempo della Comprensione, queste bambine nel frattempo divenute adulte seppero istintivamente riconoscere e ritrovare negli anditi bui dei boschi altre Donne, formando gruppi di Conoscenza che praticavano l’arte della percezione in modo anomalo rispetto a quello delle Donne della Regola.
Entrarono sempre più addentro alla loro pratica, sino a che iniziarono a ricorrere sempre più frequentemente e più profondamente al Lato Oscuro, finché questo divenne parte essenziale del loro cammino di conoscenza portandole a compiere una scelta definitiva: fluire nell’Energia dell’Ignoto.
Ogni volta che ciò accadeva, la donna che era stata bambina strana e un po’ stupida scompariva per sempre dal villaggio. Ma nessuno se ne dava pensiero.
Penetrarono gli stati alterati della coscienza, ebbero visioni e viaggiarono – senza ricorrere a scope, unguenti, gatti o caproni ai quali del resto mai si accoppiarono come invece ci racconta la ridicola storia ufficiale – forzarono la percezione entro le emanazioni ed entrarono nell’energia primordiale. Divennero l’energia primordiale stessa.
Divennero le Donne del Lato Oscuro degli alberi, delle rocce e dei torrenti. Tuttavia parte del loro intento rimase in superficie condizionando la loro consapevolezza silenziosa che si celava nella profondità dell’oscuro cammino dell’ignoto. Ben conscie di tale incontrollabile condizionamento, che impediva loro di scomparire definitivamente lungo le infinite rotte della profondità, si costrinsero a privarsi di parte della propria consapevolezza silenziosa perché si ricongiungesse all’intento vagante.
Privandosi di una parte di energia ricompattarono in superficie un equilibrio energetico di cui non sapevano che fare, ma che confidavano di isolare là dove gravitava. Si sbagliavano.
Una volta riunificate, l’energia dell’intento e quella della consapevolezza silenziosa defluirono all’esterno, in quel mondo chiamato il mondo vuoto, fondendosi e diventando un’unica energia.
Non era un’energia sinistra ma proveniva pur sempre dal Lato Oscuro contenendone i due aspetti più potenti ed orrorifici: il sogno e l’agguato. E poiché l’energia non nasce e non muore ma circola e ritorna, questi aspetti si elevarono a richiami sempre più pressanti, appelli insinuanti che fluendo nelle profondità raggiunsero le Donne del Lato Oscuro, le quali non poterono sottrarvisi.
E mal ne incolse loro: risalirono le profondità, riattraversarono gli eventi dove avevano lasciato la loro bellezza solo esteriore, rientrarono nel mondo materiale e vi si avventarono come furie.
Fu così che per gli abitanti dei villaggi nacque l’incubo delle Donne del Lato Oscuro, le streghe dell’ignoto, le lamie ritornate, le artefici di ogni nefandezza.Nate come Donne di Conoscenza impeccabili ed audaci si trasformarono in incontenibili e predatrici belve che nelle notti senza luna scivolavano nei villaggi per compiervi ignobili nefandezze e spargere orrore con l’agguato e il sogno. Quando scomparivano lasciavano delirio, paura e desolazione.
Ma ciò che per la gente costituiva una potenza feroce e malvagia che si abbatteva con casuale implacabilità, per le Donne del Lato Oscuro era invece l’agguato teso all’esistenza greve e inconsapevole di uomini e donne stupidi, bigotti e arroganti. Il Lato Oscuro non ammetteva e non sopportava l’inconsistente vacuità dell’energia umana, e la colpiva.
In tempi successivi molte di loro tornarono a vivere nel mondo, in borghi e villaggi dove mantennero per quanto possibile un profilo basso, aiutando anzi chi aveva bisogno. Ma essendo umane, vollero illudersi di essere accettate e col tempo si nascosero sempre di meno. Pur con tutte le loro consapevolezze non avevano fatto i conti con la cattiveria, l’ignoranza e l’invidia. Fu in questo modo che molte di loro vennero accerchiate, bandite, umiliate, violate, torturate, uccise.
Le leggende raccontano che anche da morte queste Donne difficilmente lasciarono il villaggio dove furono tradite perdendo pace e vita, anzi spesso vi ci si accanirono finché anche il villaggio stesso morì: per un’epidemia, un incendio, talvolta solo per essere stato abbandonato.
E si dice che molti borghi maledetti che costellano le nostre montagne non torneranno a vivere fintanto che queste Donne incontreranno chi le libererà. Semmai accadrà.
Di questi tempi, se queste Donne sopravvivono di certo non si mostrano per quel che sono realmente, a maggior ragione in questi giorni di apertura solo apparente, ma in realtà più che mai oscuri.Ed oggi può accadere che Donne o Uomini di Consapevolezza sentano sprigionarsi da una pietra, da un torrente, da un tronco d’albero un’energia particolare o un sommesso pianto di mesto dolore, e provvedano ad onorare la memoria di quelle Donne: sono comparse per chiedere di essere liberate, di potersene finalmente andare portandosi appresso la memoria di ciò che sono state, nella consapevolezza che chi è mai avrebbe potuto essere senza di loro e senza le loro sofferenze.
Ed in queste parole è racchiusa la storia di Marianna e della sua bambina, alle quali abbiamo ridato pace.

Eudaimonia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *