Presenze apotropaiche

Un tempo, ben prima che nascesse il fenomeno urbex, le andavo a cercare, oggi mi limito a non disdegnarle se le incontro lungo il mio cammino, prestando attenzione a non varcarne la soglia quando percepisco vibrazioni che mi disturbano: non devo dimostrare nulla a nessuno, le manifestazioni del male le conosco fin troppo bene e di cose che voi umani ne ho viste abbastanza.
A meno che non sia funzionale ad uno scopo, evito quindi volentieri di violare certe case abbandonate disturbando le presenze che le occupano.In ogni caso cerco all’esterno, ed ove consentitomi all’interno, tracce e testimonianze di chi le protesse e, in qualche caso, continua a farlo pur non avendo formalmente più nessun compito da svolgere.Intendiamoci: proteggere significa proteggere, ed il senso è privo di qualsiasi connotazione benevola, poiché può essere protetto tanto un luogo di acque risanatrici quanto uno che affaccia su un baratro di male assoluto, e le forme di protezione, in termini energetici e di intensità, possiedono pari dignità.
E quindi corna, chiavi, tronchi d’albero antropomorfi, maschere, demoni o folletti, pietre graffite piuttosto che iscrizioni e cartigli, resti di affreschi, madonne e santi con o senza edicole ed altri simboli che un tempo si ergevano anteponendosi alle forze negative (negative, come detto, funzionalmente alla valenza oppositiva ed attributiva conferita alla casa dai suoi abitanti) ed ora languono abbandonate e dismesse.
Sbiadite e consunte, aggredite da ruggini, funghi, licheni ed erbe parassite rivelano la loro fragilità materica, ma riecheggiano ancora la loro prossimità con le antiche divinità silvopastorali delle quali un tempo erano servizievoli ancelle iconiche.Sono ancora oggi numerose le presenze guardiane delle case abbandonate, ed ogni incontro è evocativo ed a suo modo incantevole portatore di emozioni, subordinato solo alla capacità di saper osservare cogliendo tracce talora meno che minime, negli esterni come negli interni ed in luoghi od accessori letti e vissuti come componente dell’edificio: terreni e loro confini, crode e argini, stalle e magazzini, forni e legnaie, essiccatoi.
Spesso il simbolo consiste in una semplice punta, data da corna di bovini od ovini, quando non interi teschi, ovvero realizzata acconciando, come ho notato sull’Appennino parmense e piacentino, i coppi in modo da creare cinque o sette punte rivolte al cielo, lapidei parafulmini apotropaici, segni e simboli di una sacralità povera, rustica, essenziale ma rispettata da generazioni di persone e famiglie, oltre che a maggior ragione da certe donne di poca apparenza ma molta sostanza: le depositarie delle Parole.Donne chiamate a portare erbe, fiori e ceri ai vari sant’Antonio protettori di vacche e maiali nelle stalle, quando c’erano, che accarezzavano e lavavano certe pietre rotonde e convesse a simboleggiare ventri fertili o vagamente cilindriche a significare la potenza della penetrazione fecondante.
Tra pietre e legni si possono distinguere mascheroni, come vengono chiamati nel parmense, e ricordo quelli tipici della Brianza monzese raffiguranti Modœtia, l’antica Monza che era Luna e Sole ma soprattutto Luna Rossa.
Alcuni si palesano tra antichi legni e consunte pietre, altri, chiamati anche mummie o sfingi, ti osservano nascosti in angoli remoti.Madonne marmoree, le Maestà con la pelle delicata come quella delle Erbe della vecchia Nora1 se ne contano ormai poche, abbattuta od estirpata la maggior parte dalle loro sedi per ornare ville pretenziose. Sopravvivono però, convivendo con simboli cristiani per evitare le solite accuse di stregoneria, baffometti (con due effe, giusto per onorare il mimetismo) piuttosto che salvanelli o baffardelli con tutto il corredo di dispetti e benefici.
E non mancano volti di pregevole fattura, ferini, selvaggi ed inquietanti maestri del fiore e della lama dagli sguardi intensi e vivi scolpiti nel legno e nella pietra, che osservano come se fossero quello che sono: specchi in grado di restituire e riflettere, le labbra atteggiate e mormorii, preghiere, invocazioni, scongiuri, maledizioni.Chiavi di volta, architravi, colonne, stipiti di porte e finestre, grondaie, camini sono i luoghi fra terra e cielo che li ospitano, le loro garitte da sentinelle sempre all’erta dalle quali ancora oggi sorvegliano tutto e tutti, qual che sieno ombre od omini certi.
In questa breve nota un omaggio a Frasnedo, a Itaca ed al castagno di Marianna.

Alberto Cazzoli Steiner

NOTA 1Ricordo di una donna semplice: Nora e la Madonna delle Erbe