Regolamenti di conti delle origini: il Concilio di Nicea

Il 20 maggio 325 ebbe inizio il Concilio di Nicea, il primo ecumenico della storia della cristianità: οἰκουμενικός, ecumenico, ovvero mondiale, termine che al tempo indicava i territori dell’Impero Romano in ossequio alla convinzione dei Cesari di essere governatori del mondo, o Ecumene.
Convocato e presieduto dall’imperatore Costantino I, si svolse in modo piuttosto turbolento poiché intense ristabilire l’unità dogmatica minata da varie dispute, in particolare sull’arianesimo.Il suo intento era palesemente anche politico, poiché i contrasti tra i cristiani, a somiglianza del loro dio incazzosi fin da piccoli e tendenti a formare conventicole contrapposte le une alle altre esattamente come fecero in seguito democristiani e comunisti, indebolivano lo Stato romano.
Che molto poco vi fosse di religioso lo afferma in una missiva il vescovo di Costantinopoli Gregorio Nazianzeno: “Temo i concili, non ne ho mai visto alcuno che non abbia fatto più male che bene, e che abbia avuto una buona riuscita: lo spirito polemico, la vanità, l’ambizione vi dominano; colui che vuole riformare i maliziosi si espone a essere a sua volta accusato senza averli corretti.”
Il concilio si prefiggeva primariamente di rimuovere le divergenze sorte in Alessandria d’Egitto fra Alessandro, Vescovo di Alessandria ed Ario, fondatore dell’Arianesimo, dottrina considerata eretica poiché confutava il dogma della Trinità, ponendo in un rapporto subordinato e non più identitario quello tra il Padre e il Figlio, creato e quindi finito. Ciò minava la natura stessa del Padre, e quindi il concetto di eternità.
La diatriba, le cui conseguenti lacerazioni teologiche ebbero effetto sulla pace dell’impero, coinvolse in particolare le Chiese d’Oriente di lingua greca. Per tale ragione la rappresentanza latina fu poco più che simbolica: lo stesso Vescovo di Roma Silvestro fu rappresentato da due preti e gli ecclesiastici non orientali presenti furono solo cinque: Ceciliano di Cartagine dall’Africa, Osio di Cordova dalla Spagna, Nicasio di Die dalla Gallia, Domno di Sirmio dalla Provincia Danubiana e Marco di Kalabria dalla Penisola, dove per Kalabria va però inteso l’odierno Salento.
Sembra che il vescovo, già allora in odore di santità, Nicola da Bari, nativo della Licia, nel corso delle dispute prese addirittura a schiaffi Ario, come riferisce Pietro De’ Natali nel suo Catalogus Sanctorum et Gestorum scritto tra il 1369 ed il 1372.
Le primedonne traboccanti ego, evidentemente, non difettavano neppure allora ed è interessante considerare come dei 220, o forse 318 o 160 partecipanti (le fonti divergono) nessuno dovesse zappare la terra per campare.
Venne quindi fissato il simbolo che ancora oggi rappresenta un punto centrale della cristianità: la dottrina dell’ὁμοούσιον, homooúsion, letteralmente stesso essere, ovvero della consustanzialità del Padre e del Figlio: nega che il Figlio sia creato (genitum, non factum), e che la sua esistenza sia posteriore al Padre: “generato, non creato, della stessa sostanza del Padre” recita ancora oggi il Credo.
Negati gli aspetti caratterizzanti l’Arianesimo, vennero ribadite l’incarnazione, la morte e la resurrezione di Gesù, in opposizione alle dottrine gnostiche che negavano la crocifissione, affermando altresì la nascita virginale di Gesù nato da Maria Vergine.
Insomma, vennero fatti fuori i revisionisti.Tra le altre risoluzioni, il Concilio fissò una data per la Pasqua, assurta a festa principale della cristianità fino a quando non venne inventata la Coca-Cola, da celebrarsi la prima domenica dopo il plenilunio successivo all’equinozio di primavera, in modo che fosse indipendente dalla Pesach, la Pasqua ebraica.
Compito del vescovo di Alessandria, presumibilmente usando il calendario copto, stabilire la data e comunicarla agli altri vescovi.
Venne inoltre dichiarata eretica la dottrina del Vescovo Melezio di Licopoli, evidentemente non allineato, definite le norme per il battesimo degli eretici ed assunte delle delibere di clemenza relativamente ai Lapsi, coloro che rinnegarono il cristianesimo durante la persecuzione di Licinio.
Venne stabilita la preminenza dei Vescovi di Roma e Alessandria e riconosciuto particolare ruolo onorifico al Vescovo di Gerusalemme.
Venne proibita, e questo è un dato interessante, l’usura fra chierici e la presenza di donne, le cosiddette virgines o mulieres subintroductæ nella casa di un chierico. Effettivamente “Le donne dovrebbero essere segregate, perché sono la causa delle involontarie erezioni degli uomini santi” come ebbe a scrivere sant’Agostino dopo aver finito di fare i suoi porci comodi con madre e figlia insieme.
Il provvedimento più curioso fu, per altro, la proibizione dell’automutilazione, segnatamente dell’autocastrazione: particolarmente in Oriente molti monaci rifiutavano l’ordinazione sacerdotale considerandola associata al potere mondano e fonte di vanagloria, ricorrendo a espedienti peculiari come l’automutilazione di alcune parti del corpo. Inoltre, seguendo una visione estremizzata di Matteo 19.12, si pensava che castrazione ed evirazione consentissero di assurgere a particolari facoltà.
Il Concilio si concluse 25 luglio con soli due prelati, Teona di Marmarica e Secondo di Tolemaide, che votarono contro le decisioni prese, e l’imperatore Costantino, nel discorso di commiato, sottolineò la sua volontà che la Chiesa vivesse in armonia e pace e lontana da controversie cristologiche.
Insomma, la faida si era conclusa.Sottile, ed anche divertente, ciò che scrisse in proposito Voltaire, affermando nel suo Dictionnaire Philosophique che le dispute avessero ben poco a che vedere con il messaggio evangelico e con la moralità: “I concili sono fatti dagli uomini, sono quindi il frutto naturale delle passioni umane e delle circostanze storiche, e tutti sono infallibili, poiché è impossibile che le passioni, gli intrighi, lo spirito polemico, l’odio, la gelosia, il pregiudizio, l’ignoranza, regnino in tali consessi. Ma perché, ci si potrebbe chiedere, tanti concili si sono opposti gli uni agli altri? È accaduto per esercitare la nostra fede; essi, ciascuno nel proprio tempo, hanno sempre avuto ragione. Non si crede oggi, presso i cattolici romani, che ai concili approvati dal Vaticano; e non si crede oggi, presso i cattolici greci, che a quelli approvati in Costantinopoli. I protestanti si burlano sia dei primi sia dei secondi; in tal modo tutti devono dichiararsi contenti.”
Concludo tornando per un istante alla pratica dell’autocastrazione, che spesso contemplava l’evirazione, originata da un’interpretazione fanatica di Matteo 19.12: “Vi sono eunuchi che nacquero così dal grembo della madre, e vi sono eunuchi i quali furono resi tali dagli uomini, e vi sono eunuchi che si resero tali da sé per il Regno dei cieli.”
La pratica venne proibita ma, come sappiamo, la chiesa continuò sino alla fine del XIX Secolo a castrare i bambini per ottenerne la purezza vocale nei cori. Come dire:
“Ti sei toccato figliolo?”
“No padre.”
“Bravo, vieni che ti tocco io.”
Tutto questo per tacere delle efferate torture del Sant’Uffizio che prevedevano evirazione, castrazione, amputazione di lingue e seni, sfondamento di ani e vagine, accecamenti e via di nefandezza in nefandezza.
La ratio dell’autocastrazione, della quale tale Origene fu alfiere, nacque dal convincimento che la loro mutilazione avrebbe fatto guadagnare poteri speciali e particolari favori in cielo.
Origene che, si dice, si automutilò per sfuggire alle tentazioni costituite dalle procaci allieve della Didaskaleion, la sua scuola catechetica di Alessandria fu molto elogiato.
L’Apologia di Giustino, che consigliava che i ragazzi cristiani fossero evirati prima della pubertà in modo che la loro virtù fosse permanentemente protetta, riferisce con non celato orgoglio che i medici Romani erano supplicati da fedeli Cristiani che richiedevano l’operazione, tanto è vero che Tertulliano ebbe ad affermare: “Il regno dei cieli è spalancato per gli eunuchi.”
Valesio, discepolo di Origene, ne approvò il comportamento al punto che, seguendo l’esempio del maestro, si autoevirò e, sostenendo che proprio la qualità di eunuco doveva caratterizzare il sacerdote, chiese di essere introdotto al sacerdozio. Ma la sua richiesta fu negata e venne addirittura condannato per eresia. Fondò quindi presso il Giordano una setta i cui membri, oltre alla rigida astinenza dal mangiare carne, praticavano l’evirazione su se stessi e su tutti coloro che, pur essendo estranei alla setta, ne venivano incautamente in contatto.
La diffusione della pratica, oltre ad indurre come abbiamo visto la Chiesa a condannarla espressamente, portò all’introduzione, a partire dall’IX secolo del rito della palpazione dei testicoli all’atto dell’elezione del nuovo papa.
Va detto che la pratica, di origine antichissima e comune a innumerevoli credo religiosi, aveva un suo fondamento nella misoginia e nella sessuofobia incazzosa dei cristiani che, ad immagine e somiglianza del loro dio, avevano ormai perduto lo smalto, la purezza e le facoltà alchemiche della prima ora, diventando grigi e ed efferati recitatori di anatemi e giaculatore. La banalità del male. Eh già, chissà perché mi è venuto in mente.In alcune culture, compresa quella etrusca, una selezione di bambini concepiti a maggio, e nati quindi a gennaio, venivano offerti alla divinità il 2 febbraio, giorno della candelora “dall’iverno semo fora” per propiziare la rinascita e l’abbondanza e, nella circostanza, venivano evirati nel corso di un’apposita cerimonia..
Ma la pratica viene da molto più lontano, quando era normale che un selezionato gruppo di giovani, scelti fra quelli appartenenti alle famiglie più in vista, venisse evirato da sacerdotesse al termine di rituali orgiastici: il sangue e lo sperma fecondavano la terra assicurando prosperità ed abbondanza alla comunità.
Poiché la disamina di tradizioni e rituali, per quanto interessante, ci porterebbe molto lontano e sicuramente fuori dal tema di questo scritto, cito solo di passaggio l’autoevirazione dei sacerdoti della dea Cybele, anche qui al termine di riti orgiastici.
Origene ed i suoi seguaci praticavano invece un rito triste poiché il sesso e la componente orgiastica vi erano banditi, e monco perché mancante dell’energia femminile, quella che custodisce il mistero della Vita, quella che nuovamente oggi si tende a respingere ed annientare in un momento storico assolutamente devirilizzato.
Addittura siamo alla pulizia etnica originata dal senso di colpa per essere bianchi e benestanti: i maschi bianchi vengono castrati affinché sia reso loro impossibile generare, lasciando l’incombenza ai loro omologhi neri, i cui geni sarebbero più sani.
La ratio è: l’uomo bianco viene visto ex-abrupto come razza inferiore, con geni scadenti e quindi incapace di procreare progenie sana che possa perpetuare la specie.
Secondo una versione sono le mogli a far castrare i mariti bianchi, per poi farsi ingravidare da neri, in un’altra una razza aliena provvede a ripartire gli esseri umani in maschi bianchi e neri e donne: i bianchi vengono castrati ed i neri utilizzati per la riproduzione.
Poiché l’essere umano necessita di liturgie e sovrastrutture abbiamo, a corollario, i Castration Day, le T-shirt che celebrano la castrazione pubblica come cosa buona e giusta, tutta una serie di manuali ed offertori, quasi dei grimori che illustrano procedure ed offerte alla Mistress ovvero alla Goddess della situazione. Mai violenta o coercitiva si dipana nel corso di un rito, frutto di libera e consapevole offerta.
Scuole di pensiero divergono sul fatto se sia più opportuno procedere con una lama contestualmente all’eiaculazione, evento molto scenografico ma piuttosto arduo da gestire sotto il profilo clinico, piuttosto che indipendentemente da questa, magari dopo aver concordato con la destinataria dell’offerta the last cum, l’ultimo orgasmo.
Articolato e preciso nei dettagli, il procedimento lo è maggiormente allorché i protagonisti siano maschi omosessuali poiché entrano in gioco particolari dinamiche tribali. In rete abbondano i riferimenti.
Così è se vi pare.

Alberto Cazzoli Steiner