Stato dell’arte: la salute? Bene, grazie

Condotto da manuale, anzi da alta scuola, l’incontro di vertice tenutosi recentemente a Roma: Ursula Van Del Foss e il Cerutti Gino, con impeccabile aplomb da maggiordomi, hanno perfettamente centrato l’obiettivo di assicurare che nessuna terapia non ortodossa possa mettere in discussione il più che precario stato di salute dell’estabilishment sanitario.Dalla conclusione dei lavori è emerso il preciso intento di lasciare mano libera al settore privato, ed a nulla sono valsi i timidi pigolii italilandesi, emessi solo affinché nessuno possa un giorno affermare che l’italiland ha avallato tale decisione scellerata.
Neutralizzate, dopo alcune bordate a salve, anche Franza e Spagna poiché come è noto, zitte Franza e Spagna, che qui se magna.
Il paese del namasté, infine, ha formulato alcune proposte, prontamente ritirate di fronte alla promessa di elicotteri da combattimento, kinder pinguì e scarpe da far assemblare con leganti tossici a lavoratori bambini. Namasté
Dimenticavo: c’era anche una rappresentanza dell’Oms, della cui presenza si sono accorti solamente gli incaricati alla distribuzione dei segnaposti, che di fronte alla minaccia di essere esclusa dal buffet ha promesso di non profferire verbo, pur nella consapevolezza che valgono di più i miagolii del mio gatto che la parola di tale Organizzazione.
Qualche anima candida afferma che il vertice sulla salute globale sia stato un’occasione perduta. Non è vero, è vero anzi il contrario, poiché la partecipazione dei pezzi da novanta della cupola mondiale ne ha sancito l’incontestabile successo.
Magistrale la sceneggiata dello sdegno per le inaccettabili disparità nella distribuzione mondiale dei vaccini: l’85% delle dosi ai paesi ricchi e lo 0,3% a quelli poveri. Non ha fatto rimpiangere la mancanza di Nino D’Angelo e del grande Mario Merola.
Simpatica la dichiarazione di apertura della presidente della Commissione Europea: «Un nuovo capitolo nella storia della salute pubblica». A seguire Magnum per tutti, un classico evergreen, anche con ripieno al pistacchio.
Chiarita anche la sintassi dell’evento, nonché le implicazioni antecedenti e conseguenti: se nei primi mesi della vicenda pandemica la gestione risultava almeno formalmente nelle mani dell’Oms, ragione, come molti ricorderanno, di aspri scontri tra Donald Trump e la Cina, oggi la situazione è stata normalizzata, come accadde con il Concilio di Nicea: tutti apparentemente partecipano alla discussione, governi dei paesi ricchi e poveri e capitani d’industria, tirapiedi e faccendieri, nani e ballerine a conferma della ritrovata corrispondenza d’amorosi sensi.
Adoro l’odore dei bonifici alla mattina e, si sa, dove c’è Barilla c’è casa.
La conseguenza di queste congiunzioni carnali, che avranno ampie ricadute sulle popolazioni però in forma sodomitica, è stata la concessione della facoltà di parola al settore privato, per esempio ai massimi produttori mondiali di punturine, che in trionfale sequenza hanno annunciato i piani globali di produzione e vendita dei rispettivi veleni: 1,3 miliardi di spade entro il 2021 e altrettante nel 2022, con uno schema di prezzi differenziati, che però ovviamente nessuno conosce trattandosi del cosiddetto “prezzo di emergenza”, da sempre più elevato rispetto a quello standard.
Nessuno ha ovviamente osato chiedere, pur sapendo che una dose Sfrizzer costa, in regime di emergenza, al massimo 18 dollari ma che costerà tra 150 e 175 dollari nella fase commerciale, che potrebbe già iniziare nel secondo semestre di quest’anno.
Tutto era talmente studiato che persino Cammella Harry’s Bar si è ben guardata dal citare la sospensione dei brevetti decisa dal Bidet, visto che non intendeva certo essere accusata di inficiare il neo-atlantismo, benedetto da alleanze multimiliardarie mentre viene cucinata la pasta al forno grondante incentivi per le aziende affinché stipulino accordi bilaterali con imprese del sud del mondo, preservando i loro monopoli in cambio di facilitazioni doganali e fiscali.
E infatti gia lampeggiano gli annunci di alleanze Europa-Africa per la produzione delle punturine. E così è, se vi pere.

Il Cittadino Prigioniero