Fondelli e giudizi

Dovreste saperlo: io non vi porto fra i dotti aforismi di Gurgeffo, Moscio, Ghesborolapanda, io vi porto dove si vive veramente, questa volta tra gli scaffali dei supermercati.
Nella fattispecie nei banchi “frighi” dove potete trovare fondelli di prosciutto cotto e crudo, bresaola, speck, mortadella, roast-beef ed altri affettati ed insaccati e dove, a costi irrisori, è possibile acquistare i fondi delle pezzature non più vendibili al banco a taglio fresco ma utilissimi per cucinare, arricchire insalate, allestire snack per aperitivi se tagliati a dadini o, dipende dalla conformazione, fare ottimi panini.L’idea, nata sperimentalmente negli anni ’80 del secolo scorso ma senza seguito, venne riproposta nell’annus horribilis 2008 e, complice il momento di crisi, attecchì.
Il precursore, che io sappia, fu un salumiere-gastronomo in corso XXII Marzo a Milano che, oltre a proporre l’indispensabile confezione sottovuoto, seppe presentare il prodotto in cestini contenenti noci e fichi, pomodori secchi, olive e capperi e, non raramente, il prosecchino ghiacciato da 1/3. Insomma, lo sfizio dell’aperitivo in un quartiere fighetto dove, diversamente, l’insuccesso sarebbe stato assicurato.
L’idea venne immediatamente ripresa, senza orpelli aperitivanti, da Il Gigante, gruppo di supermercati nato nel 1969 da due lungimiranti droghieri di Sesto San Giovanni, espandendosi a macchia d’olio nei punti vendita delle catene a target medio-basso: Lidl, Famila, Conad; a seguire Unes iniziando dalla schizzinosa Monza, Carrefour e buona ultima, anzi penultima, Esselunga, la boutique dei supermercati fondata nel 1957 dal mitico Caprotti, il patron che scrisse “Falce e carrello” per smascherare le nefandezze delle cooperative di sinistra.
E l’ultima fu, proprio nel settembre del 2020, la Coop, quella nazional-popolare a misura di gauchistes ecochic in stile Capalbio e dintorni e che tra gli scaffali dei reparti vini propone le schifezze di Libera, i vini imbevibili dalle terre confiscate alla mafia, Resistenza, un rosso fetente a 38 euro, una selezione di champagne a prezzi che nemmeno da Peck e un Costasera 2015 di Masi, di fatto un amarone onorevolissimo ma senza disciplinare in vendita a 79 euro (foto) quando neppure alla stazione di Verona Porta Nuova hanno il coraggio di proporlo al turista frettoloso e sprovveduto a più di 25. Prezzo reale: da 11 a 13 euro.Nella medesima foto potete apprezzare, si fa per dire, un Amarone della Valpolicella “classico 2011” di ignota casa a … 670 euro. In fondo la Coop sei tu, chi può darti di più?
Ma, per usare un termine caro ai sinistri, vale lo stesso paradigma delle donazioni fatte a Malika, la lesbognappetta che, raccolti 140mila euro di donazioni, si è acquistata una Mercedes classe A da 17mila euro (usata) ed un cane (se da lecca non ci è stato riferito) da 2.500; lei sarà anche una cretina furbetta,fermo restando che con i soldi delle donazioni può farci quel che vuole: quel che ha fatto sarà immorale ma non è illegale, quindi ogni commento è superfluo. I veri imbecilli, caso mai, sono coloro che le hanno mollato quella cifra.
La Coop è uguale e non va colpevolizzata, va anzi valorizzata perché mostra, sia pure in un contesto di nicchia, la vera spocchiosa natura dei sinistri: arroganti villani rifatti e ignoranti. Rammento, e poi chiudo, quando ebbe un successo strepitoso il Blangè, un arneis da niente che in ogni ristorante, a Milano specialmente nell’area Montenero – Porta Vittoria, quartiere di avvocati e magistrati democratici, udivi ordinare con sussiego da stronzi barbuti con sciarpa o kefiah che posavano sul tavolo fasci dei soliti giornali di merda: L’Unità, Il Manifesto, Limes, l’immancabile Repubblica, qualche noiosissimo studio sociale vergato da Veltroni o D’Alema, del quale essi stronzi discutevano ad alta voce per farsi udire dagli astanti, autocertificando così la patente di intellettuali di stocazzo.
Mi accadde, talvolta, di trovarmi a cena con una conquista che provava a proporre quella schifezza da parvenu: fortunatamente il vino lo ordina l’uomo e, ancor più fortunatamente, a cena ci si andava dopo, se tutto aveva avuto esito soddisfacente. Altrimenti spritz e taxi per la signora.
Lo so, ero uno stronzo maschilista, non ho mai detto di non esserlo.
Ma torniamo ai nostri fondelli. Sono, quando ne ho voglia, un buon osservatore ed un curioso. Mi piace, in particolare, osservare le persone e le loro dinamiche. Inizialmente, al banco frigo dei fondelli, si avvicinavano, lentamente e con fare circospetto, anziani e male in arnese.
Il fare circospetto non era dovuto a dubbi sulla qualità del prodotto, bensì sul convincimento di essere osservati e di sembrare … poveri.
Il nostro pabulus è quello del miserabile, del contadino affamato, del pezzente. Non solo preunitario ma che si perde nella notte dei tempi, esattamente da quando la matrice ebraica, scalzato il cristianesimo delle origini, partì alla conquista di Roma e della sua civiltà per farne strame grazie ad integralisti fanatici, devastandola al fine di insediarvi il suo dio incazzoso, giudicante e misogino, il suo dio da poveri, sessuofobici, frustrati, timorosi di tutto e in particolare delle delazioni. Il suo dio comunista.
Oggi ne stiamo uscendo, pagando un prezzo terribile, ma ancora vale il timore del giudizio. E questo io vidi, alle origini del fondello, negli anziani, dignitosi ma con la pensione minima, nelle famiglie che faticavano ad arrivare alla fine del mese.
E ancora oggi io, goloso acquirente di fondelli con i quali preparo gustosi manicaretti, noto in molti questo timore di essere ossservati e giudicati.
Sono decenni che acquisto capi d’abbigliamento poco impegnativi ma gradevoli nei punti vendita Oviesse. E qui un umano standard potrebbe affermare: è un marchio del gruppo Coin, notoriamente di livello, esprimendo così una sorta di autoassoluzione dall’immagine del povero di cui sopra.
Se è per questo acquisto capi: t-shirt, felpe, anche nelle botteghe cinesi, unitamente ad accessori per la casa. E non ho nessuna remora ad affermarlo.
Ebbi una relazione, circa vent’anni fa, con una persona che, scoprii, non mandava a stirare le mie camicie Oviesse, proprio perché … da poveri.
E questo è quanto, ed è palese che il fondello altro non è che una scusa per affermare che, per una vita serena, consapevole, sana dobbiamo fregarcene altamente del giudizio altrui. Fermo restando che, se dovesse accaderci di giudicare, non dobbiamo esimerci dal farlo: giudizio non significa pregiudizio. E la nostra autostima non deve dipendere dalle mutande che indossiamo.

Alberto Cazzoli Steiner