Le Antiche Donne dai coltelli di pietra

Sono giorni adatti per ricordare quelle terre di Eudaimonia che, nell’Appennino Ligure-Emiliano, ed in particolare in quella frazione al confine tra le province di Parma e Piacenza, si distendono per chilometri in declivi ricoperti da prati, tassi e macchie di faggi, circondati da maestosi affioramenti rocciosi.L’apparenza idilliaca non deve però trarre in inganno, specialmente quando dalla cima del monte Lama scendono ammassi di nubi dense e grigie, stracciate da folate di vento rabbioso che, a chi sa ascoltare, paiono proprio ciò che sono: echi della presenza delle antiche Donne di Conoscenza, che qui vi ebbero dimora a partire dall’epoca di Neanderthal, anime di quelle Donne che vagarono e soffrirono perché non si spegnesse la fiamma della Conoscenza quando ombre nere si ammassarono intorno a loro, rese sempre più feroci, aggressive e assetate di anime. Per quelle Donne avrebbero potuto essere gli ultimi giorni, e con loro gli ultimi giorni della Conoscenza.
Come sempre, protagonista della nostra vicenda è Haria, nome inventato dietro il quale si cela una Donna di Conoscenza che intende mantenere segreta la propria identità.
Testimone della Storia e Donna senza tempo, nata con un’intensa luce verde negli occhi, sin dal tempo ancestrale in fuga da un mondo che l’avrebbe voluta stupida, ignorante, sottomessa a un minuscolo uomo, serva e fattrice silenziosa di molti figli.
Haria trovò riparo con la madre in una profonda caverna nel monte sulla cui vetta immolò al fuoco sacro la salma del padre, ucciso a tradimento dalla lama del coltello di un eunuco, e potè sfamarsi grazie all’abilità materna nell’allestire trappole: il cuore e il fegato di un daino furono i suoi primi bocconi di carne, il latte di capra selvatica il suo nettare ed un cucciolo di lupo nero, razza rara e temuta, abbandonato dal branco divenne suo inseparabile compagno e sua voce selvaggia.
La madre le insegnò la Sacra Danza degli Antenati, imponendole di ripeterla, un giorno, al cospetto di Madre Terra, ed Haria scelse di rimanere ai margini, nella consapevolezza che il tempo fra gli uomini era finito, poiché gli uomini stessi lo erano, in attesa dell’Uomo Nuovo.
Haria non è diversa da quelle Donne, che con i loro occhi verdi ed i capelli rossi ritornano nei secoli dei secoli urlando il loro dolore, la loro verità, il loro disgusto per le infime pulsioni di quell’animo che vuol dirsi umano, maneggiando la corta daga meglio dei più esperti Spartani addestrati ad uccidere, in combattimenti dove il troppo dolore non ha lasciato più spazio alla pietà, affrontati con un fagotto dai capelli rossi appeso alla schiena: una bimba che sembrava dormire ma che sarebbe stata in grado di raccogliere il testimone e portare avanti la Regola nei secoli dei secoli.
E ancora oggi, di fronte all’ennesima avanzata del finto bene e della falsa luce di chi professa purezza ma odora di acredine e putrefazione, alle Donne di Conoscenza non è rimasto che celarsi nuovamente nelle tane, nelle buche, nelle grotte, sotto i cartoni in città sempre più invivibili fingendosi vecchie homeless indifese, raggomitolate per contrastare i morsi del freddo.
Fino a quando, lanciando un urlo che nulla avrà di umano, balzeranno dai nascondigli brandendo le lame del Sapere per fare a pezzi, letteralmente, gli esseri ipocriti, rabbiosi, immondi nella loro arroganza, più sconci del male che affermano di voler contrastare.
E le lame, sacre, saranno di pietra, pietra dura, scura, affilatissima, pietra che viene tramandata nei secoli dei secoli e che solo a loro, Donne del Lato Oscuro, è concesso oggi brandire, e questa volta la lotta sarà finalmente all’ultimo sangue, in onore a quella Fucina della Vita che portano in grembo.
Chi attraversa lo splendido anfiteatro naturale della Nave, ancora oggi sente l’impulso di onorare le ombre di quelle Donne che non tornarono dalle aspre battaglie che vi si combatterono, e che attraverso il Passo del Bocco di Bargone si salvarono dai mercenari del Sant’Uffizio: loro conoscevano le insidie del terreno, i mercenari no.
Mimetizzate, grigie come i tronchi degli alberi, marroni come la terra, odorose di muschio e funghi, divennero persino mute e un po’ stupide, salvo ergersi in tutta la loro bellezza quando, nude sotto il mantello di lana consunta, impugnando il pugnale colpivano rapide e letali per poi scomparire di nuovo confondendosi con il bosco.
La loro presenza, amica con chi sanno essere amico, accompagna viandanti silenti e rispettosi in quelle terre, comprese fra il Monte Nero, il Bue e il Lago Nero, dove si incontrano le province di Parma, Piacenza e Genova che ben rappresentano la durezza che si cela dietro l’apparenza delle morbide forme appenniniche.

Alberto Cazzoli Steiner