Il Cittadino Prigioniero è tornato

A poche, pochissime persone è nota la sua esistenza: cittadino di un paese ideale, potremmo dire interiore poiché mai fu, il suo, quello del quale in questo qui ed ora calca il suolo, e che effettivamente il nostro non riconosce, avendo tentato di cambiarlo e per tale ragione sottostando con dignità al pagamento del prezzo.All’onore della lavagna, rigorosamente dalla parte dei cattivi anticomunisti, nel primo decennio del terzo millennio quest Uomo trascorse alcuni anni in un carcere del Nord, esperienza che fu arricchimento mistico, monastico, interiore, lavorativo.
Una volta ristretto ritrovò vecchi cattivi, e nuovi ne conobbe, di parte e, a suo tempo, di parte avversa, e tutti si scoprirono accomunati da un’identica sorte: l’aver gettato anni della propria esistenza credendo in un ideale ma essendo in realtà carne da macello nelle mani di burattinai che cenavano, andavano in vacanza, tenevano consessi carnali e facevano affari con i burattinai avversari.
Dal novero vanno stralciati giusto un paio di cattivi, divenuti nel frattempo star letterarie e televisive, ma nessuno sofrì nel constatarlo.
Il nostro, aduso al chissenefrega, se ne fece anzi una ragione, e ad una settimana dalla decorrenza della pena già utilizzava le proprie capacità ed il proprio tempo – che nel frangente non mancava – per scrivere su diversi giornali carcerari e non, organizzare eventi e convegni sui temi della trasgressione e del recupero intra ed extra murario, implementare progetti di lavoro esterno, oltre che per lavorare nell’ufficio statistica e nel laboratorio di rilegatoria del carcere, apprendendo i segreti di un’arte raffinata.
Arte che gli permise di realizzare, per uso personale, una splendida cartella portadocumenti in robusto cartone rivestito in pelle sfumata in due eleganti toni di azzurro e grigio, sempre colma di ritagli di giornale, quotidiani, appunti e che si caratterizzava poiché la parte esterna presentava la scritta in rilievo: Il Cittadino Prigioniero, seguita dal numero 162112, il suo numero di matricola.
Un giorno accadde che il ministro della giustizia divenne Clemente, promulgando un indulto che gli abbuonò due anni residui. Ed uscì infine a riveder … i tram in piazza Aquileia.
Per onor del vero gli vennero abbuonati due anni e otto mesi, ma il nostro, quando pochi giorni dopo tornò in carcere per ritirare 800 euro di stipendio maturato, tutto ciò che in quel frangente possedeva, non andò certo a farlo notare.
Trascorsero anni, per l’esattezza più o meno tre lustri, ed un giorno il protagonista della nostra vicenda ricevette una telefonata dalla polizia della cittadina dove nel frattempo si era trasferito, che lo avvisava di presentarsi per discutere … l’affidamento in prova ai servizi sociali per una condanna residua di otto mesi, con l’avvertenza che avrebbe potuto “opporre ricorso avverso il provvedimento”.
Avvocati? Anche no, grazie: a suo tempo giocare al rivoluzionario gli costò ben trecento milioni delle vecchie lire in spese legali, naturalmente senza che nessuno dei maggiorenti delle organizzazioni per le quali aveva militato facesse neppure finta di mettere mano al portafogli per un contributo.
Per farla breve: il nostro ha attualmente acquisito lo status di detenuto affidato in prova ai servizi sociali con un fine pena fissato per la metà del prossimo mese di novembre, che si ridurrrà a settembre per effetto dello sconto di pena di 45 giorni ogni semestre che tocca in caso di buona condotta.
La vita del nostro amico è mutata per il fatto che non può lasciare la regione di residenza o domicilio salvo richiesta motivata all’apposito ufficio dell’amministrazione penitenziaria che si occupa delle esecuzioni penali esterne, deve rincasare entro le ore 23 e non può uscire prima delle 6 (il cosiddetto coprifuoco antivirale è dalle 22 alle 5), non deve frequentare pregiudicati (nemmeno il Berlusca? Uffa…) e deve chiedere l’autorizzazione per prendere parte a matrimoni, funerali, pranzi o cene di lavoro in ambito extra regionale.
Essendo in questi otto mesi il ministero della giustizia responsabile del suo stato di salute, sarà quindi l’amministrazione penitenziaria ad occuparsi di dentista, oculista, tac, risonanza, presidi farmaceutici, ricoveri ospedalieri, ovviamente con corsia preferenziale, ticket-free ed ovviamente escluso il piantonamento. Un’ottima opportunità per un check-up completo.
Avendo una casa, un lavoro, una condotta regolare e dovendo scontare una condanna residua inferiore ai 18 mesi per reati commessi nel millennio precedente, e non avendone commessi di successivi, al nostro amico è concesso di mantenere la propria attività di lavoratore autonomo, con la quale campa, e coltivare i propri interessi.
A qualcuno tutto questo potrà apparire come disgrazia, vessazione, carognata di uno stato inefficiente. Questione di punti di vista, funzionali alle situazioni.
Quello del nostro amico è: ma quando mi ricapita un’occasione simile? L’opportunità di vedere per alcuni mesi il mondo e le sue vicende attraverso il filtro privilegiato di uno status solo apparentemente limitante ma che consente un sano distacco ed un’iconoclasta derisione. E poi vediamo chi è il prigioniero.

ACS – Il Cittadino Prigioniero

Con l’alias de Il Cittadino Prigioniero il nostro amico collaborerà in questi mesi a La Fucina con articoli dedicati a crescita interiore, costume e soprattutto malcostume. No, non prevede di scrivere testi di evasione.