Mistificate, qualche cosa resterà

Se il linguaggio di questo scritto, né forbito né da educanda, è per voi causa di turbamento … sappiate che le cose vanno chiamate con il loro nome. E quindi:

… E buca vèrta che diis nagòtt
Dumà la radio sgraffigna l’aria
E i pensee fànn un gran casòtt
….
Scùlta i spiriti e scùlta i fulètt
Ranpèghen in söel müür e sòlten föe dei cassètt
G’hann söe i vestii de quand sèri penènn
Ne vànn e ne vègnen cun’t el büceer del vènn
E la candela la sta mai ferma
La se möev cumè la memoria
E anca el ràgn söe la balaüstra
Ricàma el quadru de la sua storia
La ragnatela di mè pensèe
La ciàpa tütt quèll che rüva scià
Ma tanti voolt la g’ha troppi böcc
E l’è tüta de rammendà
(da Pulenta e galena fregia di Davide Van De Sfroos: https://www.youtube.com/watch?v=YCEfBxWAxSQ)Ho scelto di iniziare l’anno, entrando in argomento, con una canzone di Davide Van De Sfroos, il poeta laghèe che come pochi, a mio parere, ha esplorato profondità e potenza di parole e stati d’animo.
Mai come oggi abbiamo bisogno di verità, e mai come oggi fra i miei ricordi spicca un anziano pastore, un montagnino che non sapeva né leggere né scrivere.
E non ne aveva bisogno, poiché sapeva trasmettere il senso della vita come un’eredità preziosa, attraverso poche parole e molti sguardi e gesti, che conservo poiché parte essenziale del sapere ancestrale, di gente, invisibile ma proprio per questo niente affatto insignificante, a differenza degli arroganti ipocondriaci fighetti da salotto dai quali siamo circondati, piccoli merdaioli in fila tipo trenino per farsi tamponare pur di andare a prenderselo nel culo all’ultimo dell’anno.
Non abbiamo una memoria, e invece dovremmo abitarla ma, si sa, chi si ostina a creare gli slogan della cosiddetta narrazione è in malafede, sostenuto dalla pletora di pezzenti questuanti, che implorano il siero salvifico, un padrone ed un nemico sul quale riversare le loro frustrazioni.
E intanto perdono di vista, questi sozzi ignoranti subumani tutto ciò che viene perpetrato sulla pelle delle persone, tutti gli annientamenti al libero pensiero, alla democrazia, alla salute, alla vita.
Un esempio? Eccolo: la Commissione europea si appresta a classificare il nucleare come energia verde, definendo nel contempo il gas energia di transizione, a seguito di negoziati tra Francia e Germania, con un parco di reattori transalpini vecchio e ad alto rischio e lo smaltimento delle scorie radioattive che rimane un problema ma, ce lo dice l’Europa, tutto sommato sono dettagli.
Se non si verificheranno intoppi la Commissione presenterà il suo progetto il 18 gennaio.
Ricordo che i paesi europei hanno deciso il raggiungimento della neutralità dal carbone nel 2050, e nel frattempo la dipendenza dal gas russo inquieta e i prezzi dell’energia esplodono: una posta in gioco cruciale della quale nessuno sembra accorgersi.
«Noi siamo assai vicini alla finalizzazione del nostro lavoro, che includerà gas e nucleare», affermò il 17 dicembre scorso il Commissario al mercato interno, Thierry Breton, in una intervista al quotidiano tedesco Die Welt.
Faceva da controcanto il quotidiano Le Monde, che il 9 novembre scorso affermava senza mezzi termini come si trattasse di una questione strategica per la Francia, sostenuto in questo dal presidente Macron, che precisando la finalità della transizione energetica à la française, ha annunciato la decisa volontà di rilanciare il nucleare, facendone anche uno dei punti chiave per la sua rielezione a presidente dei francesi.
Così è, se vi pare: il paese, il più decarbonizzato d’Europa poiché ha 56 centrali ed il 70 per cento dell’elettricità è d’origine nucleare, ha una concezione di energia verde che vede ormai al primo posto il … giallo acido.
Intendiamoci, io non lo demonizzo a prescindere: penso solo alle chiavi di sicurezza ed ai problemi di smaltimento delle scorie.
Il parco dei reattori francesi, il secondo al mondo dopo quello degli Stati Uniti d’America, è stato prevalentemente realizzato tra il 1970 ed il 1990, con un’età media di trentasei anni.
Il rischio di incidenti, esplosioni e fuoruscite di radioattività, è sempre più alto nonostante le autorità francesi lo minimizzino e cercano sempre di mascherarsi dietro al segreto di stato.
E noi? Inerzia, convenienza, malafede, ignoranza portano i nostri non-rappresentanti politici ad essere ferventi sostenitori della nuova energia verde, fighetti ecochic in testa.
Tanto alla gente che importa? Alla gente basta vivere crogiolandosi nella paura, vaneggiando e vagheggiando di vaccini e tamponi, contagi e misure draconiane per arginare l’immondo virus.
Merde.
Ma, alla fine di tutto, chissenefrega? Macchinina del tempo e via: torniamo al gennaio 2020. Sono trascorsi due anni e nulla è cambiato …
Basta compiere un giro in un quartiere qualsiasi di una qualsiasi città per scoprire come il tempo si sia congelato al gennaio 2020. Le stesse scene che si ripetono alla moviola: gente che ti incontra e attraversa la strada, si scosta, si alza repentinamente la mascherina, lo sguardo a metà fra il cerbiatto terrorizzato e lo zombie assetato di sangue.
Esseri che vagano preda di paura cronicizzata e sguardi persi nel vuoto, stanchi, sfiniti, vaccinatisi per paura, una paura che ben lungi dall’attenuarsi si è acuita, insediata sempre più profondamente nelle menti e nei corpi.
Costoro convivono ormai stabilmente con stati interiori di tensione, incertezza e difese immunitarie all’osso, pronti a reagire agli stimoli come il proverbiale cane di Pavlov allorché un potere vero o presunto preme un pulsante. Agiscono e reagiscono ormai come bestie, come anime sacrificali da campo di sterminio senza sbarre a seconda della propulsione indotta dai media e non sono più nella condizione di osservarsi, di disidentificarsi, di proiettare qualcosa che non sia dentro di loro.
Fortunatamente, in questi due anni è aumentato il numero degli spiriti critici, dei risvegliati, dei guerrieri dell’anima sempre meno disposti ad abbozzare, vigili e presenti.
Sì ma, quanti sono, quanti siamo? Pochi, troppo pochi. Ma noi sopravviveremo, anche senza poter entrare nei bar.
Per il resto, mi addolora affermarlo ma l’umanità è sull’orlo del baratro e forse già oltre, destinata ad estinguersi in un lento suicidio, come ebbe ad affermare Nadi Paola Matrone.
Tutte le loro paure più grandi si materializzano ed ancor più diverranno eggregore poiché loro stessi le hanno rese reali, solide, e le stesse paure si autoalimentano, orrendi golem.
Il siero, ben lungi dall’essere salvifico ha amplificato il terrore della malattia e di una morte raccapricciante, in un’infantile paura dei mostri nascosti nel buio.
E tutto questo ha condotto al limbo, all’ignavia della non vita dalla quale non si uscirà più. Ma tutto accade per una ragione, e forse la ragione è che l’umanità è al capolinea.
La messa è finita, andatevene affanculo.

Alberto Cazzoli Steiner

Oltre la soglia della paura

Da quasi un decennio mi occupo di oncologia, con pregressa esperienza in medicina nucleare, radiodiagnostica e radioterapia, e prima ancora con alle spalle anni trascorsi nella cura di certe dipendenze.
Ho deciso di portare il mio, modestissimo, contributo nella (vana?) speranza di contribuire a fare chiarezza nell’attuale manicomio pandemico.Da gran tempo la clinica medica è sempre più orientata verso una prevenzione personalizzata, in quanto la prevenzione secondaria in ambito oncologico può avere effetti collaterali indesiderati. Per tale ragione la proposta non è offerta a tutta la popolazione ma differenziando in base alle diverse fasce di rischio, e da decenni parliamo di medicina personalizzata e di prevenzione personalizzata perché sappiamo bene come messaggi univoci universali, uguali per tutti, non servano e possano addirittura essere controproducenti o dannosi.
Bene, la cosiddetta pandemia sembra invece gestita da un’allegra brigata che non ha tenuto e non tiene in nessun conto differenze tra soggetti, evidenze anamnestiche e fattori di rischio.
Tutto lascia supporre che in Italia vi siate bevuti il cervello, e qui in Svizzera non siamo da meno, perché abbiamo indossato gli stivali delle sette leghe per raggiungervi, in questo picco di follia collettiva.
Nessuno si rende più conto, ed i medici per primi, quanto vi sia bisogno di recuperare la relazione di fiducia medico paziente, lasciando liberi i medici di consigliare secondo scienza ma soprattutto coscienza (esiste ancora?) e capire soggetto per soggetto quali strategie di prevenzione e di cura funzionino meglio e quali esami sia il caso di effettuare o meno.
E invece, tutto all’ammasso, anni di studio, sperimentazione, pratica clinica buttati alla deriva in nome di un’epidemiologia difensiva all’impossibile ricerca del rischio zero, come ben sa persino uno studente al secondo anno.
Si è passato un colpo di spugna, molto abrasiva, sulla differenziazione dei rischi, degli effetti collaterali, delle patologie pregresse e in atto e delle stesse misure di prevenzione.
Non è più nemmeno il caso di porsi domande sulla (presunta) efficacia del (cosiddetto) vaccino, né sui dogmi della sua a-temporalità, della sua efficacia, della (inesistente, lo dimostrano i fatti) blindatutra rispetto agli appestati non vaccinati.
Tutti tranquilli e nessuno timoroso di contagi da parte di chi non è vaccinato … e invece no, è un continuo parlare di eventi collaterali dei vaccini, un continuo alimentare il vento della paura, dell’incertezza, della non informazione per fare in modo che la gente non pensi, viva nell’incertezza e nel terrore.
Appare più che evidente come si tratti di una questione politica, non sanitaria. Un esempio? In svariati paesi europei hanno sospeso il vaccino Moderna per i soggetti sotto i 30 anni, addirittura sotto 18, sulla base di un eccesso di miocarditi ma in altri, Italia compresa, non se ne parla.
Il dubbio, non dimentichiamolo, è fondamentale in ambito scientifico, e va di pari passo con la consapevolezza di non poter disporre di verità assolute.
Ebbene, io dubito. Dubito come cittadino e come medico. Ho dubitato e dubito dell’efficacia dei lockdown, dell’efficacia delle mascherine all’aperto sulla base dei criteri dell’evidence based medicine. E ora, anche se non dubitassi del vaccino in sé, non posso ammettere l’idea che venga eletto a unico strumento medico per contrastare il mostro pandemico.
A determinate condizioni sono favoreole ai vaccini ma non ad cazzum come avviene ora indiscriminatamente: valutando sempre il bilancio rischi/benefici per età, sesso, malattie concomitanti, mantenendo un sano e pragmatico senso critico nei confronti di qualsiasi misura di prevenzione, nella consapevolezza che trattare in modo autoritario e paternalistico i cittadini è controproducente.
Anche ammesso che il vaccino sia oggi fondamentale per contrastare la malattia, mentre minore è l’efficacia rispetto ai contagi, non senso ricattare la popolazione perché si vaccini impedendo a chi non si vaccina di esercitare i più elementari diritti, non ultimo quello al lavoro od agli spostamenti con i mezzi del trasporto pubblico.
In questa confusione artefatta, in mala fede, prendono slancio e si diffondono idee pericolose: aristocratiche e settarie, anti-libertarie ad onta dei proclami e che hanno sdoganato come immeritevoli protagonisti taluni soggetti che hanno fatto dell’ambiguità e del dogmatismo il leit-motiv delle loro consorterie.
Costoro erano, e sono, decisamente contro la scienza, anche contro quella che è strumento di per sé neutro e utile perché fa del dubbio un elemento fondamentale.
Ed assistiamo così a vaneggiamenti di gran moda alla voglia di pogrom ipotizzando di vaccinare i bambini (a quando i feti?) con sostanze che potranno essere prodotte precisamente in modo tale che le persone, grazie a questa vaccinazione, saranno immuni a tutto: ai virus ed alle traversie della vita, persino alla follia della vita spirituale, con ampia ed empia soddisfazione di certi circoli materialisti.
Esistono sostanze che, iniettate in bambini in età scolare, consentirebbero loro di non frequentare le scuole: diverrebbero estremamente intelligenti, apprenderebbero alla velocità della luce ma il loro pensiero diverrebbe quello di automi e non svilupperebbero una coscienza.
Forse non ve ne siete accorti, ma sta accadendo: il corpo eterico si è definitivamente allentato all’interno di quello fisico, e i robottini sono felici di lavorare e guadagnare, parlare solo di vaccini e green pass, respingere la socializzazione con gli appestati, consumare ed andare per bistrot, osterie e movide.
Arrivati a questo punto facciamo un passo indietro: il problema è la tenuta del sistema sanitario? Allora non ha senso la conta dei positivi, magari asintomatici, e soprattutto non ha senso questa continua campagna di terrore che imperversa ormai da quasi due anni. Ponetevi solo questa domanda: è servita a ridurre la mortalità?
La risposta è negativa? E allora sarebbe bene che chi deve farlo, cioè tutti noi, si guardi profondamente dentro, oltre lo schermo dell’alibi delle paure, ottima scusa per non diventare adulti.

Lorenzo Andrea Pozzi

Fondelli e giudizi

Dovreste saperlo: io non vi porto fra i dotti aforismi di Gurgeffo, Moscio, Ghesborolapanda, io vi porto dove si vive veramente, questa volta tra gli scaffali dei supermercati.
Nella fattispecie nei banchi “frighi” dove potete trovare fondelli di prosciutto cotto e crudo, bresaola, speck, mortadella, roast-beef ed altri affettati ed insaccati e dove, a costi irrisori, è possibile acquistare i fondi delle pezzature non più vendibili al banco a taglio fresco ma utilissimi per cucinare, arricchire insalate, allestire snack per aperitivi se tagliati a dadini o, dipende dalla conformazione, fare ottimi panini.L’idea, nata sperimentalmente negli anni ’80 del secolo scorso ma senza seguito, venne riproposta nell’annus horribilis 2008 e, complice il momento di crisi, attecchì.
Il precursore, che io sappia, fu un salumiere-gastronomo in corso XXII Marzo a Milano che, oltre a proporre l’indispensabile confezione sottovuoto, seppe presentare il prodotto in cestini contenenti noci e fichi, pomodori secchi, olive e capperi e, non raramente, il prosecchino ghiacciato da 1/3. Insomma, lo sfizio dell’aperitivo in un quartiere fighetto dove, diversamente, l’insuccesso sarebbe stato assicurato.
L’idea venne immediatamente ripresa, senza orpelli aperitivanti, da Il Gigante, gruppo di supermercati nato nel 1969 da due lungimiranti droghieri di Sesto San Giovanni, espandendosi a macchia d’olio nei punti vendita delle catene a target medio-basso: Lidl, Famila, Conad; a seguire Unes iniziando dalla schizzinosa Monza, Carrefour e buona ultima, anzi penultima, Esselunga, la boutique dei supermercati fondata nel 1957 dal mitico Caprotti, il patron che scrisse “Falce e carrello” per smascherare le nefandezze delle cooperative di sinistra.
E l’ultima fu, proprio nel settembre del 2020, la Coop, quella nazional-popolare a misura di gauchistes ecochic in stile Capalbio e dintorni e che tra gli scaffali dei reparti vini propone le schifezze di Libera, i vini imbevibili dalle terre confiscate alla mafia, Resistenza, un rosso fetente a 38 euro, una selezione di champagne a prezzi che nemmeno da Peck e un Costasera 2015 di Masi, di fatto un amarone onorevolissimo ma senza disciplinare in vendita a 79 euro (foto) quando neppure alla stazione di Verona Porta Nuova hanno il coraggio di proporlo al turista frettoloso e sprovveduto a più di 25. Prezzo reale: da 11 a 13 euro.Nella medesima foto potete apprezzare, si fa per dire, un Amarone della Valpolicella “classico 2011” di ignota casa a … 670 euro. In fondo la Coop sei tu, chi può darti di più?
Ma, per usare un termine caro ai sinistri, vale lo stesso paradigma delle donazioni fatte a Malika, la lesbognappetta che, raccolti 140mila euro di donazioni, si è acquistata una Mercedes classe A da 17mila euro (usata) ed un cane (se da lecca non ci è stato riferito) da 2.500; lei sarà anche una cretina furbetta,fermo restando che con i soldi delle donazioni può farci quel che vuole: quel che ha fatto sarà immorale ma non è illegale, quindi ogni commento è superfluo. I veri imbecilli, caso mai, sono coloro che le hanno mollato quella cifra.
La Coop è uguale e non va colpevolizzata, va anzi valorizzata perché mostra, sia pure in un contesto di nicchia, la vera spocchiosa natura dei sinistri: arroganti villani rifatti e ignoranti. Rammento, e poi chiudo, quando ebbe un successo strepitoso il Blangè, un arneis da niente che in ogni ristorante, a Milano specialmente nell’area Montenero – Porta Vittoria, quartiere di avvocati e magistrati democratici, udivi ordinare con sussiego da stronzi barbuti con sciarpa o kefiah che posavano sul tavolo fasci dei soliti giornali di merda: L’Unità, Il Manifesto, Limes, l’immancabile Repubblica, qualche noiosissimo studio sociale vergato da Veltroni o D’Alema, del quale essi stronzi discutevano ad alta voce per farsi udire dagli astanti, autocertificando così la patente di intellettuali di stocazzo.
Mi accadde, talvolta, di trovarmi a cena con una conquista che provava a proporre quella schifezza da parvenu: fortunatamente il vino lo ordina l’uomo e, ancor più fortunatamente, a cena ci si andava dopo, se tutto aveva avuto esito soddisfacente. Altrimenti spritz e taxi per la signora.
Lo so, ero uno stronzo maschilista, non ho mai detto di non esserlo.
Ma torniamo ai nostri fondelli. Sono, quando ne ho voglia, un buon osservatore ed un curioso. Mi piace, in particolare, osservare le persone e le loro dinamiche. Inizialmente, al banco frigo dei fondelli, si avvicinavano, lentamente e con fare circospetto, anziani e male in arnese.
Il fare circospetto non era dovuto a dubbi sulla qualità del prodotto, bensì sul convincimento di essere osservati e di sembrare … poveri.
Il nostro pabulus è quello del miserabile, del contadino affamato, del pezzente. Non solo preunitario ma che si perde nella notte dei tempi, esattamente da quando la matrice ebraica, scalzato il cristianesimo delle origini, partì alla conquista di Roma e della sua civiltà per farne strame grazie ad integralisti fanatici, devastandola al fine di insediarvi il suo dio incazzoso, giudicante e misogino, il suo dio da poveri, sessuofobici, frustrati, timorosi di tutto e in particolare delle delazioni. Il suo dio comunista.
Oggi ne stiamo uscendo, pagando un prezzo terribile, ma ancora vale il timore del giudizio. E questo io vidi, alle origini del fondello, negli anziani, dignitosi ma con la pensione minima, nelle famiglie che faticavano ad arrivare alla fine del mese.
E ancora oggi io, goloso acquirente di fondelli con i quali preparo gustosi manicaretti, noto in molti questo timore di essere ossservati e giudicati.
Sono decenni che acquisto capi d’abbigliamento poco impegnativi ma gradevoli nei punti vendita Oviesse. E qui un umano standard potrebbe affermare: è un marchio del gruppo Coin, notoriamente di livello, esprimendo così una sorta di autoassoluzione dall’immagine del povero di cui sopra.
Se è per questo acquisto capi: t-shirt, felpe, anche nelle botteghe cinesi, unitamente ad accessori per la casa. E non ho nessuna remora ad affermarlo.
Ebbi una relazione, circa vent’anni fa, con una persona che, scoprii, non mandava a stirare le mie camicie Oviesse, proprio perché … da poveri.
E questo è quanto, ed è palese che il fondello altro non è che una scusa per affermare che, per una vita serena, consapevole, sana dobbiamo fregarcene altamente del giudizio altrui. Fermo restando che, se dovesse accaderci di giudicare, non dobbiamo esimerci dal farlo: giudizio non significa pregiudizio. E la nostra autostima non deve dipendere dalle mutande che indossiamo.

Alberto Cazzoli Steiner

Respingere l’Amore: essere un monolite inscalfibile

Alcune note pubblicate nei giorni scorsi nel Gruppo de La Fucina su Telegram, i conseguenti scambi di opinioni ed alcune conversazioni private mi hanno indotto alle riflessioni oggetto di questo scritto.
Ebbi a che fare, nel corso della mia esistenza, con alcuni monoliti inscalfibili: ossi da morto, come diciamo noi Lumbard, senza eguali: due Capricorno, un Toro e due Gemelli.
Il primo Capricorno è Andrea, mio figlio oggi trentaseienne nato il 23 dicembre che, complice anche il bell’aspetto, potrebbe pubblicizzare scatolette di tostitudine, uno snack con gli stessi effetti degli spinaci di Braccio di Ferro, utile per chi la determinazione non ce l’ha, e con Tostisnack se la può dare.
Dell’altro, Capricorno del 29 dicembre e già mio socio in affari, basti dire che quando si fissava sul prezzo di acquisto di un immobile quello doveva essere, ed a nulla valevano i richiami alla ragione, allo scenario di mercato, alle facoltà negoziali. Va da sé, l’affare sfumava.
Il Toro, Maurizio. mio collaboratore. Tanto Massimo, suo omologo e Pesci, era agile, anzi a volte fin troppo, quanto egli era lento, bovino, saldo nei propri convincimenti, inscalfibile a idee che non seguissero certi suoi ottocenteschi arzigogoli, padri di un concetto etico che portava all’inazione.
Eppure, ai tempi dell’università, nel biennio che trascorsi in fonderia, ebbi un capo, Silvano, del Toro, tutt’altro che bradipico e pronto a mutare idea in ogni istante: c’entra sicuramente l’ascendente, ma anche il fatto che eravamo lui il capo, ed io uno dei suoi due vice, del reparto manutenzione, e le decisioni dovevano spesso essere prese in nanosecondi, e cambiate con il mutare della situazione, non da ultimo perché decisioni sbagliate avrebbero potuto costare vite umane.
E veniamo alle Gemelli, tra l’altro parenti fra loro: zia e nipote. Non entro in dettagli: dico solo che un Capricorno, in confronto, è un dilettante allo sbaraglio.
E poi ci sono io, Gemello, arruolatomi nei sommergibilisti da bambino, in un mio specialissimo reparto che mi serviva a … navigare sott’acqua per sopravvivere. Spiego: famiglia molto formale, legata alle convenzioni, a un certo moralismo e ad un morboso controllo.
E quindi in superficie, non potendomi difendere od opporre, conducevo una vita irreprensibile da bambino talvolta un po’ ostinato ma sostanzialmente omologato. Salvo rifugiarmi sott’acqua per condurre una mia vita, talvolta predatoria in quanto all’insegna della rabbia e della pulsione a sopravvivere, indifferente alle sorti altrui ed assolutamente non convenzionale. Disponevo addirittura di fondi neri, ovviamente sottratti nottetempo ai contanti che, svolgendo i miei genitori un’attività commerciale, in gran copia giravano per casa.
Mia madre sospettava ma non riuscì mai a cogliermi in flagrante, né poté mai provare alcunché. Avevo il mio imbosco, visibilissimo ma proprio per questo inimmaginabile, ed una cantina dove raccoglievo i frutti di una delle mie passioni: prodotti chimici, detersivi, petardi e materiale esplodente in genere. Sì lo ammetto, bombarolo a dodici anni e, poiché mi trovavo in un momento infelice della mia vita in quanto vittima di bullismo, preso dal desiderio di certi esperimenti a carico della classe che, malvolentieri, frequentavo presso la locale scuola media. Avevo approntato certi spezzoni incendiari al fosforo da sistemare opportunamente fra i banchi. Non ne feci nulla, fortunatamente, preferendo pestare a sangue chi mi vessava e torturava e guadagnandomi la patente di asociale caratteriale.
Oggi non accade più, ma fino a non molti anni fa la mia cifra consisteva nel fingere di accondiscendere per poi … fare o continuare a fare quel cazzo che volevo, anche al limite dell’autolesionismo. Salvo fingere improvvise prese di coscienza, pentimenti, conversioni se beccato.
E una volta cessato l’allarme riprendere esattamente come prima, solo con più attenzione.
Ma, ecco un paradosso, imbattibile come sciamano capace di ottimi consigli e risolutore di problemi altrui. Scusate il vanaglorioso imbattibile, ma so di cosa sto parlando, e lo sanno anche le persone alle quali ho ribaltato la vita, attraverso il Potere della Parola o altri metodi che non sto ad elencare.
Tra i miei modi di essere monolite inscalfibile vi era quello di non abbandonarmi all’accoglienza. Anzitutto perché non mi perdonavo per le nefandezze vere o presunte commesse, ed inoltre perché ritenevo di non meritare nulla, di non meritare di vivere.
Amare, per me, significava dare. In realtà non era vero un accidente perché la relazione iniziava secondo il copione standard del gentiluomo generoso, brillante, benestante al quale una tegola improvvisa o le avverse manovre di un destino cinico e baro creavano una situazione di emergenza.
E lì mi piazzavo, facendomi mantenere.
In realtà avrei potuto darmi da fare ma non lo facevo. Dicono che la relazione di un uomo con le donne prenda a modello quella avuta con la madre. Ne sono convinto: io dovevo punire mia madre, e conseguentemente tutte le donne che avevano la sventura di incontrarmi.
Una, con la quale ho oggi un ottimo rapporto dopo alterne, anche pesantissime, vicende di vicendevole crescita interiore mi confidò che se non fosse stato per la figlia si sarebbe lasciata andare senza lottare contro la morte.
Confesso che quando me lo disse mi preoccupai. Della mia sopravvivenza materiale.
Ne è passata di acqua sotto i ponti e, si sa, acqua passata non macina più. Nel frattempo, complice il fatto di stare veramente male, ho iniziato a fare su me stesso quello che sono molto bravo a fare per gli altri: guardarmi dentro, prendermi a calci nei denti, togliere sovrastrutture, anestetici ed alibi.
Non è stato un lavoro breve, in compenso è stato molto doloroso, ben oltre la soglia della disperazione, di uno scuoiamento degno di quello patito da Marcantonio Bragadin.
Alla fine ho compreso me stesso ed ho rimosso tutte le scuse, gli alibi e le zone di confort. Ho scoperto che, al di là dell’apparenza che mostravo agli altri, non ero poi così una merda, avevo anzi delle qualità, ed alcune di queste non comuni anche se non era il caso di andare in giro a sbandierarle della serie sono bello, santo e bio.
Sì, perché se hai bisogno di dimostrare significa che sei ancora nel guado.
Ho capito una cosa, circa il mio monolite inscalfibile. Alla fine di tutto c’era il timore di non essere accolto, di non essere amato, di non essere abbastanza (secondo quale modello di riferimento? Non si sa.) e quindi me ne stavo arroccato, anzi trincerato nella mia Linea Maginot. Non dò non prendo sono felice, evviva. Evviva un par de cojoni.
Oh, intendiamoci! continuo ad essere convinto che l’ultima vera conversione di cui si ha notizia sia quella dell’Innominato. Quindi, non ti fidar, di un bacio a mezzanotte, se c’è la luna (piena) poi, non ti fidar …

Alberto Cazzoli Steiner

Post Scriptum
Esistono in natura numerosi monoliti inscalfibili, uno di questi è il cosiddetto Sasso di Guidino, un masso erratico, o delle streghe, la cui parte visibile misura metri 9x5x6 (volume 80 m3) ed è situato all’esterno della Villa Il Guidino di Besana Brianza incastonato nella cinta muraria del parco.
Trasportato durante la glaciazione nel quaternario, o di Würm, proverrebbe dalla Valtellina, segnatamente dal Gruppo del Disgrazia. Fino a non molti anni fa era localmente ritenuto di provenienza astrale e, nell’ambito newage, scagliato dalla Morrigan poiché i Celti insubri considerarono sacro il monolite, del quale si apprezza solo la parte visibile, per altro esigua perché la parte più massiccia è nascosta sotto terra e lascia solo intendere e immaginare la reale estensione.
Naturalmente, per non farsi mancare nulla, il FAI dalle adunche mani organizza visite guidate al monolite durante le periodiche giornate dedicate alla celebrazione del patrimonio culturale italiano.

Stato dell’arte: la salute? Bene, grazie

Condotto da manuale, anzi da alta scuola, l’incontro di vertice tenutosi recentemente a Roma: Ursula Van Del Foss e il Cerutti Gino, con impeccabile aplomb da maggiordomi, hanno perfettamente centrato l’obiettivo di assicurare che nessuna terapia non ortodossa possa mettere in discussione il più che precario stato di salute dell’estabilishment sanitario.Dalla conclusione dei lavori è emerso il preciso intento di lasciare mano libera al settore privato, ed a nulla sono valsi i timidi pigolii italilandesi, emessi solo affinché nessuno possa un giorno affermare che l’italiland ha avallato tale decisione scellerata.
Neutralizzate, dopo alcune bordate a salve, anche Franza e Spagna poiché come è noto, zitte Franza e Spagna, che qui se magna.
Il paese del namasté, infine, ha formulato alcune proposte, prontamente ritirate di fronte alla promessa di elicotteri da combattimento, kinder pinguì e scarpe da far assemblare con leganti tossici a lavoratori bambini. Namasté
Dimenticavo: c’era anche una rappresentanza dell’Oms, della cui presenza si sono accorti solamente gli incaricati alla distribuzione dei segnaposti, che di fronte alla minaccia di essere esclusa dal buffet ha promesso di non profferire verbo, pur nella consapevolezza che valgono di più i miagolii del mio gatto che la parola di tale Organizzazione.
Qualche anima candida afferma che il vertice sulla salute globale sia stato un’occasione perduta. Non è vero, è vero anzi il contrario, poiché la partecipazione dei pezzi da novanta della cupola mondiale ne ha sancito l’incontestabile successo.
Magistrale la sceneggiata dello sdegno per le inaccettabili disparità nella distribuzione mondiale dei vaccini: l’85% delle dosi ai paesi ricchi e lo 0,3% a quelli poveri. Non ha fatto rimpiangere la mancanza di Nino D’Angelo e del grande Mario Merola.
Simpatica la dichiarazione di apertura della presidente della Commissione Europea: «Un nuovo capitolo nella storia della salute pubblica». A seguire Magnum per tutti, un classico evergreen, anche con ripieno al pistacchio.
Chiarita anche la sintassi dell’evento, nonché le implicazioni antecedenti e conseguenti: se nei primi mesi della vicenda pandemica la gestione risultava almeno formalmente nelle mani dell’Oms, ragione, come molti ricorderanno, di aspri scontri tra Donald Trump e la Cina, oggi la situazione è stata normalizzata, come accadde con il Concilio di Nicea: tutti apparentemente partecipano alla discussione, governi dei paesi ricchi e poveri e capitani d’industria, tirapiedi e faccendieri, nani e ballerine a conferma della ritrovata corrispondenza d’amorosi sensi.
Adoro l’odore dei bonifici alla mattina e, si sa, dove c’è Barilla c’è casa.
La conseguenza di queste congiunzioni carnali, che avranno ampie ricadute sulle popolazioni però in forma sodomitica, è stata la concessione della facoltà di parola al settore privato, per esempio ai massimi produttori mondiali di punturine, che in trionfale sequenza hanno annunciato i piani globali di produzione e vendita dei rispettivi veleni: 1,3 miliardi di spade entro il 2021 e altrettante nel 2022, con uno schema di prezzi differenziati, che però ovviamente nessuno conosce trattandosi del cosiddetto “prezzo di emergenza”, da sempre più elevato rispetto a quello standard.
Nessuno ha ovviamente osato chiedere, pur sapendo che una dose Sfrizzer costa, in regime di emergenza, al massimo 18 dollari ma che costerà tra 150 e 175 dollari nella fase commerciale, che potrebbe già iniziare nel secondo semestre di quest’anno.
Tutto era talmente studiato che persino Cammella Harry’s Bar si è ben guardata dal citare la sospensione dei brevetti decisa dal Bidet, visto che non intendeva certo essere accusata di inficiare il neo-atlantismo, benedetto da alleanze multimiliardarie mentre viene cucinata la pasta al forno grondante incentivi per le aziende affinché stipulino accordi bilaterali con imprese del sud del mondo, preservando i loro monopoli in cambio di facilitazioni doganali e fiscali.
E infatti gia lampeggiano gli annunci di alleanze Europa-Africa per la produzione delle punturine. E così è, se vi pere.

Il Cittadino Prigioniero

L’Uomo Nuovo riscatterà la Terra

L’immondo virus ha sollevato veli di maya, alzato tappeti sotto i quali lo sporco, ben lungi dall’essere spazzato, veniva nascosto ed ha scoperchiato i verminai della spiritualità arrogante, della meditazione anestetizzante, dell’esortazione a lasciar andare lamentechemente, funzionale a creare esseri dipendenti e non pensanti, condannando anzi il raziocinio ed il ben dell’intelletto come luride scorie di anime malate, non evolute.
Parte inoltre dalla cosiddetta spiritualità la farsa del villaggio globale, che nasconde cifre da capogiro sfruttando il mercato dell’introduzione di nuovi schiavi con quote equamente ripartire tra farabutti gauchistes e delinquenti ecclesiali, promuovendo il nulla della resilienza e dei paradigmi, dei neoumanesimi e dei saperi e sapori, dell’isterico pacifismo da combattimento.
Parte dalla cosiddetta spiritualità la dilettantesca e pressapochista impostura dell’inventarsi uno sviluppo sostenibile, un lavoro alternativo che spesso è un non-lavoro quando non una truffa piramidale alla Ponzi, come la ruota dell’abbondanza che venne sgominata grazie a un infiltrato in un gruppo di sannyasin piemontesi.
Mancano all’appello un sacco di altre stronzate, come quella elitaria del cibo presunto sano ed etico: quattro bacche venti euro, oppure dei gadget, corsi, campi, animali di potere incontrati in un week-end a 500 euro al colpo, ma non intendo redigere l’elenco telefonico, altrimenti dovrei parlare anche di certe donne, cosiddette maestre e sciamane, che fanno figli per poi abbandonarli poiché devono seguire la loro via nel mondo della meditazione. Ça va sans dire, sono l’incarnazione della Dea Madre .
Si è capito che la spiritualità d’accatto, ad usum occidentalis, è l’afflato del disagio di vivere, è la richiesta di essere autentici da parte di chi l’autenticità non sa nemmeno cosa sia, è bigottismo camuffato da alternativa. Soprattutto è giudizio.
Certo, anch’io giudico, cazzo se giudico! ma non mi sono mai posto come alfiere di un non-giudizio finto, di maniera, non ho mai lasciato andare l’ego, me lo sono anzi tenuto ben stretto.
Il fructus pandemicus, che si riconosce dal vaccino blu, ha portato all’affioramento tutta la morchia come in un impianto di depurazione, e soprattutto ha fatto capire che quando coniai l’ormai famoso 90/10 sbagliai. Per difetto.
Casomai 95/5, se non addirittura 97,5/2.5, e ci stiamo arrivando: morti, dormienti, esseri inutili persino per la Purina se ne andranno, toglieranno il disturbo, libereranno spazio. Chi fisicamente e chi animicamente. Era ora: ciaociao.Lo spazio vitale, sissignori proprio “quel” Lebensraum, verrà finalmente destinato a chi intende vivere, amare, trasmettere, combattere, in una consapevolezza che accompagnerà la riconsegna del mondo a coloro che saranno insigniti della duplice natura di eredi e rifondatori.
Costoro saranno finalmente protagonisti del grande risveglio, bianco e occidentale, partendo dagli imperativi di quella triade omerica definita da Dominique Venner: “La Natura come solco, l’eccellenza come fine, la bellezza come orizzonte.”
Riconoscere la Natura come solco, e quindi come Madre e come Padre, significa tornare a rispettarne gli equilibri ancestrali nella riconnessione con la matrice originaria tradizionale, ritrovando così l’armonia con il paesaggio e riedificando i nuovi agglomerati secondo i principi del piccolo, autosufficiente, indipendente, etico. Riedificare significherà recuperare l’esistente: se ne è consumato fin troppo di suolo.
Il riconoscimento è primariamente un atteggiamento mentale, che travalica il convincimento di una natura matrigna, avara e scarsa, al fine di esserne parte imprescindibile e considerandola non solo sufficiente, ma addirittura abbondante. Questi sono gli insegnamenti degli Antenati, questa la via da seguire: chiara ed evidente poiché Madre (e Padre) Terra non sono la casa, bensì l’organismo di cui si è parte, esattamente come ogni altro essere.
Le città, o quel che ne rimarrà, diverranno invivibili suburre segnate dagli scheletri di edifici incendiati e depredati, percorse dai nuovi schiavi, da vecchi e nuovi ciechi, da malati e deformi nel corpo e nell’anima per effetto di innumerevoli esperimenti genetici. Scenari del morbus gravis ma senza Druuna.
Perseguire l’eccellenza come signum dell’identità millenaria significherà misurarsi in ogni istante con se stessi, significherà superarsi, rimarcando un ruolo antropocentrico interpretato con rispetto, amore, rinnovamento, a statuire chi sia l’Uomo Nuovo in una forma che, pur operosa, sia contemplativa della bellezza con la quale Egli, ben lungi dal genuflettersi ai canoni dell’utilitarismo borghese e al dominio della sottocultura mercantile, riuscirà ad incantarsi incantando nuovamente il mondo.
Ed incantando nuovamente la Donna, non più sessuofobica troia mercantile, ma Compagna e Guerriera, nonché nuovamente Sacerdotessa e Dea.I declino dei nostri popoli non è affatto inevitabile perché, quando le luci si spegneranno e le torce arderanno, i maschi saranno Uomini, e Maschi, e le femmine saranno Donne, e Femmine.
Qualora le mie parole risultassero oscure provo a spiegarmi meglio ricorrendo ai Ching, figure della tradizione sopravvissute alla modernità, testi sacri usati a scopo divinatorio dagli albori della civiltà cinese che vennero proibiti negli anni feroci del comunismo.
Le sue figure richiamano la ciclica e complementare armonia dei contrari, compendiando nei loro esagrammi quelle virtù metafisiche che ritroviamo in Lao Tse e, ermeneuticamente, in Julius Evola.
Trovo che I Ching siano nemici naturali del conformismo dell’anticonformismo alla new age, un vessillo della dissidenza spirituale in grado di opporsi, grazie alla forza della conoscenza trascendente con i suoi valori eterni e le sue radici profonde, al vuoto siderale del materialismo spirituale da movida che impesta i dormienti.
Essi ci rammentano le più elevate prospettive di un Ordine interiore che, all’insegna della calma e della flessibilità, percorre il sentiero del combattimento e dell’azione: sub canaglie imperanti spezzare le catene è un preciso dovere dell’Uomo libero, forte di un ritrovato umanesimo virile nell’ordine millenario e nella volontà di riconquista.
La cifra della contrapposizione verrà da eroici sacrifici, riti ancestrali e retaggi tradizionali all’insegna della mistica del sangue, sia nella solitudine consapevole sia nella forza del branco.
Tra atteggiamenti sempre più caricaturali e miti svirilizzanti i riferimenti sono inequivocabili: richiamo alla disciplina e alla forza interiore, desiderio di costruire organizzazioni strutturate ed efficienti edificando comunità organiche di popoli.
A questo punto potrei affrontare mille e mille esempi per estendere il concetto.
Mi limito a narrare, brevemente, di natura, cibo ed ecosostenibilità, quella che senza esitazioni chiamo la truffa verde.
Prendiamo le cosiddette etichette energetiche, che come quelle degli elettrodomestici secondo molti andrebbero estese ad ogni prodotto. Tutti ne parlano come della panacea ma nessuno, nemmeno i più ecosostenibili, afferma la verità, e cioè che la responsabilità di scelta viene, ancora una volta, lasciata al cittadino degradato al rango di consumatore, sul quale incombe l’onere di guardare mille etichette confrontando parametri dei quali sa poco o nulla.
E nessuno si sogna di svolgere un’attività educativa degna di questo nome, poiché si scontrerebbe con i dogmi del Moloch imperante: il mercato.Se dopo le imprese anche i governi giocano con le mistificazioni lessicali di una finta transizione ecologica, com’è possibile alimentare una divulgazione del cambiamento sperimentando una visione ecologica? E, vi assicuro, vivere in campagna, in collina o in montagna in minuscoli agglomerati, può essere un buon inizio ma non basta.
A meno che non si sia realmente centrati e risvegliati, la narrativa della mistificazione la farà sempre da padrona: basti vedere i convincimenti indotti con l’immondo virus, convincimenti pressoché impossibili da estirpare. Ci penseranno i vaccini a liberare spazio.
Stiamo assistendo al cedimento dei numerosi ecosistemi interconnessi e cruciali per la stessa sopravvivenza umana e, sia chiaro: la crescita sostenibile è solo un ossimoro, non esiste.
Non possiamo più fare a meno di decrescere, di mettere in discussione, nei fatti e nei comportamenti e non aprendo e chiudendo tavoli secondo un costume verboso caro alla sinistra, gli eccessi del capitalismo e la sua stessa essenza di sistema che realizza profitti per accumulare ed investire in un moto sempre più accelerato che cattura e divora natura e persone sputando solo scorie tossiche su terre bruciate e mari soffocati dalla plastica.
Dobbiamo cambiare la nostra visione ed il nostro posto nel mondo, contrastando finanziarizzazione e globalizzazione, rendite smodate e gigantismo delle multinazionali, iniquità e sprechi, corruzione e disonestà.
E questo solo l’Uomo Nuovo potrà farlo, andando a stanarli casa per casa, ufficio per ufficio, banca per banca, mercato per mercato, senza dimenticare televisioni e giornali, influencers, bloggers ed agenzie di pubblicità. Certo, sarà un’attività che presenterà dei rischi per l’incolumità. Finalmente.
Se ci soffermiamo a ragionare e confrontare dati, comprendiamo come il capitalismo non sia la ragione del disagio, ma solamente un mezzo, trainante fin che si vuole ma solo un mezzo. La vera causa è molto più profonda ed influenza sfera culturale, antropologia, etica, spiritualità.
L’insostenibilità ambientale, ormai evidente, oltre a tutti i guai ben noti hanno portato alla cosiddetta pandemia, catastrofe che nessuno ritiene di considerare entrando nell’ordine di idee che sia necessario uscire dall’economia della crescita. Non si può, anche farmaci e vaccini per una popolazione sempre più malata sono funzionali.
Dissonanza cognitiva? Nessuno si pone la questione, né della perdita di senso dell’agire umano, né della schiavitù volontaria, la più potente arma dell’arte del regnare con il consenso dei dominati.
Rovesciare i parametri distonici, arroganti e sempre più violenti del potere per demolire l’idea di sottomettere i più deboli per colonizzare il mondo, l’idea al principio di dominio.
Decrescere non significa finire nell’incubo del pauperismo e della rinuncia, ma fare a meno di ciò che è ridondante, ridurre i volumi produttivi, puntare ad una migliore accessibilità, condivisione e qualità di beni e servizi: efficacia, durata, riparabilità, riutilizzo di componenti a fine vita.
Ciò significherebbe meno materiale, energia e tempo di lavoro per produrli, meno trasporti marittimi che oggi, vista la concentrazione produttiva, rappresentano l’85% del trasporto di prodotti che nella stragrande maggioranza dei casi sono di infima qualità per non dire vera fuffa.L’Uomo Nuovo ha ripulito la mente dall’idea che per esaudire bisogni e desideri si debbano produrre sempre più merci e sempre più in fretta. L’Uomo Nuovo, pronto a combattere, non farà prigionieri.

Alberto Cazzoli Steiner

La Medicina è finita, andate in pace

Hanno permesso al più miserabile degli elettricisti di abbassare il sezionatore, privandoli di ogni stimolo e rendendoli tanto rabbiosi eppure spenti, infantilizzati e considerati alla stregua di minorati mentali: questo sono diventati gli italilandesi che, valicato il punto di non ritorno nell’identificazione con due vermi cinematografici: il Villaggio Fantozzi ed il portaborse Moretti, si addentrano in un 2021 caratterizzato da sempre maggiori divieti ed obblighi che si contraddicono vicendevolmente affinché tutto si compia.Noi che percorriamo il cammino alchemico della Conoscenza non possiamo, non vogliamo, non dobbiamo fare altro che osservare distanti questa tragica favola, questa profezia che autoavverandosi sotto i nostri occhi consolida la propria suggestione narrativa sulle reazioni scomposte di una collettività ormai mentalmente involuta nel trionfo della nullità.
Li avevano cresciuti all’insegna della furbizia, del motto più sei falso e più sei apprezzato, perché più sei lecchino più puoi affermarti. Servi, blended since 1861.
Loro, i veri complottisti che tramavano nell’ombra di stalle e cucine, non contro un padrone arrogante e tiranno bensì contro altri servi, e non importava quanto figlio di puttana fosse il dominus, né chi fosse. Anzi: più era stronzo più era amato e più c’era la possibilità di guadagnare servendolo ed assecondandone ogni desiderio, compresi i più perversi, crudeli e disumani.
Qualità, merito, talento sono stati vilipesi e repressi in favore di un abominio costituito da falsità, incapacità, inettitudine nel segno di quanto di più osceno e orripilante potesse essere infuso nelle persone, specialmente grazie ad un mezzo formidabile: la televisione, quel totem che oltre al terrore per l’immondo virus impone modelli a volgarissimi sottoacculturati urlanti che, invasati, gettano nel cesso l’ultimo barlume di dignità esibendosi nei modi più sguaiati ed insulsi pur di alimentare il proprio protagonismo nella speranza di assurgere per un istante ad icone di riferimento di una massa sempre più stracciona ed ignorante.
E, fateci caso: oggi, tra le icone di riferimento, spiccano i medici.
Assurti ad un ruolo salvifico e definiti eroi, sono ormai percepiti dal popolo delle maccheine come i gran sacerdoti di un culto che si esplica in chiese chiamate ospedali.
Mezzi di comunicazione, social, brani di conversazioni colti per strada lasciano intendere come, mai come oggi, l’intera organizzazione sanitaria sembri progettata per riflettere una fede religiosa provvista di propri sistemi di credenze, dogmi, regole lessicali, martiri, santi e beati.
Il culto sanitario destinato a salvare dall’immondo virus prevede anzitutto un peccato originale, nel caso in esame coincidente con un sistema immunitario che, indebolito, predispone alla possessione demoniaca, la malattia, che verrà mondata dal lavacro delle acque battesimali, il vaccino.
Il medico indossa una veste bianca, che similmente ad altri ministri di culto lo identifica come il sommo sacerdote, coadiuvato da suore e preti, il personale infermieristico, che lo aiuta ad assistere i membri della congregazione, i pazienti, quando si ammalano perché posseduti da microbi malvagi, non di rado attivati dai peccati commessi. HIV docet.
E non solo i pazienti membri della congregazione non mettono in dubbio protocolli e tecniche, ovvero dogmi e rituali di guarigione adottati dai medici ministri del culto, ma chi osasse dubitare delle intenzioni, dell’integrità o delle modalità dei medici ministri del culto e dei loro assistenti verrebbe considerato un demoniaco deviante, posseduto, pazzo.
Non è inoltre certamente per caso che, in tutto il mondo, ospedali e luoghi di cura abbiano tratto dalla religione la propria denominazione: Mount Sinai, San Raffaele, San Giuseppe, Santa Rita dove asportavano polmoni sani pur di fare cassa; in Toscana la più estesa organizzazione dedita al soccorso è la Misericordia, a Milano tra le ambulanze annoveriamo Maria Bambina, San Carlo (chiusa per mafia) e Azzurra di San Giorgio. L’elenco potrebbe continuare sotto gli ampi stendardi offerti dalle case farmaceutiche affinché il popolo creda nel valore della loro medicina, investendovi fede cieca e non raziocinio, cosa del resto impossibile a meno che non si conoscano i meccanismi anatomopatologici, biochimici, fisiologici che presiedono all’insorgenza delle malattie ed alle relative cure. E chi sa tace, o perché zittito o perché desideroso di uno spazio nel trogolo.
Resta il fatto che, tra le evidenze, abbiamo innumerevoli esseri sempre malati senza che ne conoscano nemmeno la ragione ed intanto la religione medica, vietata agli spiriti critici, evita le domande importanti, quelle che da anni attendono risposta ma vengono sistematicamente ignorate. Mentre sempre più spazio viene lasciato ai proclami ed alle raccolte di fondi in nome di una ricerca che sconfiggerà malattie future che, in realtà, nessuno intende eliminare poiché fanno troppo comodo al fatturato.
Molta, moltissima, troppa acqua è passata sotto i ponti da quando la medicina era fitoterapia, era conoscenza dei cicli della natura, era potere della Luna Rossa, era appannaggio di stregoni e donne di medicina che vivevano ai margini del villaggio e non si sognavano di fare le star.

Alberto Cazzoli Steiner

Salute: lo Spazio Sacro non è un diritto ma una conquista

Il diritto alla salute fa parte dei diritti alla propria integrità ed al proprio Spazio Sacro, ma si realizza con la piena consapevolezza, e se c’è un rischio deve esserci una scelta
COMILVA è l’acronimo di Coordinamento del Movimento Italiano per la Libertà di Vaccinazione: un’associazione fondata sul volontariato, articolata in Gruppi e Comitati radicati sul territorio il cui scopo è quello di ottenere la libertà di scelta in materia di vaccinazioni e la tutela dei diritti dei danneggiati da vaccino.Oggi, 6 gennaio 2021, la pagina Facebook dell’Associazione è stata rimossa con la motivazione che gli articoli di approfondimento pubblicati sul social, ed in particolare quelli sul vaccino Covid-19, violano le regole della community. Più precisamente “non rispettano gli standard in materia di disinformazione che potrebbe causare violenza fisica”.
A parer mio, e badate bene solo apparentemente in modo meno violento, siamo andati ben oltre la Reichspogromnacht, più nota come Kristallnacht, ed anche oltre Fahrenheit 451.
Chi non ha memoria del passato non ha futuro, e questa corsa folle all’immunizzazione è un salto nel buio.
Per averne contezza è sufficiente leggere questo articolo, tratto da “Why ‘Operation Warp Speed’ Could Be Deadly”pubblicato l’11 maggio 2020.
Chi sta esultando per questo sforzo pressoché unanime dei governi e dei mass-media, che riunisce l’opera di aziende farmaceutiche ed agenzie governative e militari non è più in grado di riflettere, non è più in grado di comprendere le mistificazioni, per esempio quella secondo cui l’immunità di gregge si otterrebbe dal massiccio ricorso ai vaccini.
Pensiamo solo al fatto che i governi proteggeranno le aziende farmaceutiche dalla responsabilità per i danni che i loro vaccini potrebbero infliggere alle popolazioni, ed i contribuenti, in aggiunta a tutto questo, rimborseranno alle aziende i costi di sviluppo di vaccini che non arriveranno mai sul mercato.
Ciò costituisce la migliore prova che verranno commessi errori, che si verificheranno gravi danni e che gli errori saranno ancora più probabili ove prevarrà il convincimento che saranno necessari obblighi di legge finalizzati all’ottenimento di un massiccio consenso popolare alla vaccinazione di massa, ovvero che saranno necessarie misure succedanee come barriere per l’ingresso nel mondo del lavoro, per viaggiare o per altre attività umane e sociali.
Costoro non hanno imparato nulla dagli errori del passato, ma non importa: li abbiamo persi. Come scrissi lo scorso 24 ottobre: Triage dell’anima: io scelgo, perché io valgo.
Pensiamo a noi, ai nostri figli, alle persone che ci sono care, alla nostra integrità, al nostro Spazio Sacro e lottiamo, lottiamo senza tregua, con i mezzi che ancora ci concede la legge in attesa, se necessario, di farlo all’ultimo sangue.
Questo il link al sito dell’Associazione Comilva: https://www.comilva.org/.

Alberto Cazzoli Steiner

Lungo il Sentiero dei Saggi per ritrovare il Maschile perduto

Groppo Delle Pietre e Monte Grotta Mora sono toponimi che, a chi non è del posto, non dicono nulla: si trovano a 1.200 metri di quota nell’Appennino parmense, non lontani dal Passo della Cisa, e da loro nascono i due rami che originano il torrente Manubiola, rispettivamente i rami di Corchia dal Groppo Delle Pietre e quello di Valbona dal Monte Grotta Mora.Presso Bergotto i rami si uniscono e scorrendo in direzione Nord-Ovest fra boschi e aree coltivate ricevono alcuni rii, fra i quali il più significativo ai fini del nostro tema è il Rio delle Lame, sfociando infine, dopo aver percorso poco meno di 12 chilometri, nella sinistra idrografica del fiume Taro nelle vicinanze di Ghiare di Berceto.
Valbona e Corchia, un tempo unite in un’unica parrocchia, sono entrambe frazioni del Comune di Berceto, che chi mi legge ricorderà per le Nuvole Bianche, per il gemellaggio con la Nazione Soiux-Lakota e per la Locanda della Luna Nera, di cui scrissi diffusamente.
Il borgo di Corchia, arroccato nella stretta Val Manubiola a 650 metri di altitudine nel suo perimetro quadrangolare, tipico delle esigenze difensive medioevali e nel quale risultano censiti 40 abitanti, è per noi particolarmente interessante poiché sorge lungo il percorso originario della Francigena e conserva pressoché intatto il nucleo medioevale costituito da case in pietra addossate, separate da vicoli lastricati e in non pochi casi mirabilmente restaurate. Doveva la sua principale fonte di sostentamento alle miniere di pirite, rame, zinco e feldspato, chiuse a partire dall’anno 1943: tra queste l’evocativa Miniera della Pietra del Fuoco, a 928 metri di altitudine.
Per raggiungere Valbona è necessario percorrere circa 7 chilometri in costante discesa, in un bosco dove è possibile incontrare i segni del tempo tra castagni, essicatoi, ricoveri e un luogo ancora misterioso: uno stretto sentiero medievale che si inerpica sino al sito denominato San Rocco, antico insediamento ora scomparso e la cui storia non è ancora stata svelata.
Il sentiero è denominato La Via dei Saggi proprio in riferimento ai secolari castagni che lo dominano.
Tutto qui? Naturalmente no, se è vero che non siamo affatto lontani dal Pelpi, dal Penna, dal Nero e dalle altre boscose cime sulle quali il vento ancora porta l’eco delle voci delle antiche Donne di Conoscenza, ma soprattutto da Drusco, la frazione di Bedonia che fu culla di quella Gente fiera e, non dimentichiamolo, del male che si annidava nell’incavo dei castagni.
In questi luoghi dove la selva sta riprendendo la sua avanzata riconquistando gli spazi che negli ultimi sei secoli le furono presi dall’antropizzazione, ritrovano l’habitat gli animali ai quali questi luoghi furono preclusi: l’aquila reale e il corvo imperiale, il capriolo e il muflone, il lupo e il cinghiale.
Ne parlo perché l’autunno è il periodo ideale per percorrere questi sentieri, in silenzio e con rispetto ascoltando tra i riflessi dorati delle foglie tutto ciò che vorranno comunicarci la natura, gli animali, il mormorio dei ruscelli, le voci di quelle Donne dagli occhi verdi e dai capelli rossi.
Mai come oggi dobbiamo essere grati ai sussurri delle anime di quelle Donne che ritornano, dai secoli dei secoli per riportarci alla bellezza ancestrale, alla potenza di pensieri capaci di creare, di riti sorretti dall’intento, alla consapevolezza che tutto giunge per portare insegnamenti e guarigioni a chi si veste di umiltà per poter ascoltare.E prima di proseguire desidero riportare quanto Eudaimonia scrisse nell’articolo Dove nacque la mappa delle antiche Donne di Conoscenza, pubblicato in Arcani Ludi il 29 ottobre 2014:
«In passato le sfide condivise erano tappe fondamentali lungo il cammino della Consapevolezza.
Allora le Donne e Uomini di Conoscenza erano numerosi e solidali, ma in quei tempi pericolosi i boschi e le montagne, le rupi e i torrenti vennero profanati da uomini crudeli, e se gli Uomini dovettero combattere, e morire o uccidersi per non cadere prigionieri, le Donne dovettero ricorrere al lato oscuro per difendersi.
Oggi è diverso, l’essere umano ha smarrito forse per sempre il senso del meraviglioso e quel poco di consapevolezza silenziosa che nel corso delle ere aveva accumulato. E può fare del male solo a se stesso con la droga, l’alcol, gli incidenti stradali, la cattiveria che avvelena acqua, aria, cibo e persino i rapporti di coppia. Perché vuole morire annichilito da un immenso dolore che nemmeno sa di avere dentro.
Oggi siamo poche e isolate, e se la mia amica …omissis… non avesse ceduto all’istinto di rivelarlo, il mondo delle Donne di Conoscenza sarebbe rimasto ignoto. Ma un giorno comprese che scrivere, pubblicare un libro, era una nuova arma e che se anche soltanto dieci Donne, leggendo quel libro, fossero riuscite a spezzare la catena dell’infelicità le sue parole non sarebbero state vane. E fu così che da quel primo libro altri ne scaturirono.
Ed io giunsi insieme ad altre, ciascuna di noi all’insaputa delle altre, ciascuna isolata e guidata da un intento che nasceva dal tormento, dall’impulso di andare, senza sapere dove ma andare, cercare, trovare, guidata da un profondo sentire che ci portava a vagare nei boschi.»
Oggi che tangenziali ed autostrade dell’anima crollano sotto il peso del traffico spirituale di guru che, a furia di lasciar andare l’ego, eccedono le 44 tonnellate dei discepoli a semirimorchio, dobbiamo essere grati all’immondo virus che ci ha consentito di vedere le voragini della E45 e della A3 tra le quali sobbalza il re, nudo.
Dobbiamo recuperare l’umiltà perduta se vogliamo comprendere, affrontare e risolvere questioni gravi ed ormai impellenti, veri e propri blocchi senza la cui rimozione il cammino della consapevolezza e della ricostruzione sarebbe solo finzione.
Mi riferisco in particolare agli archetipi femminile e maschile, e specificatamente a quest’ultimo, oggi ridotto a reificato replicante vilipeso a farsa, ben lontano da quello vigente all’epoca del Matriarcato, quando il maschio era Maschio e la femmina era Femmina, oltre che Dea.
La stesura di queste note è stata ispirata dalla recente conversazione con un amico, avente come argomento proprio la svirilizzazione del maschio occidentale come elemento funzionale all’instaurazione di nuove forme dittatoriali: un uomo sottomesso e conformista, privo di attitudini militari e spirito combattivo, reso pigro e malato dall’assunzione di cibi spazzatura, dipendente da sostanze materiali ed immateriali, che rifugge il contatto fisico con i propri simili preferendovi quello virtuale ed omologante dei social.
Uno schiavo perfetto, acritico, acefalo ed ormai incapace di difendersi, perfettamente inquadrato in un progetto tirannico che, nella sua visione degna del peggiore comunismo, millanta come ideale un villaggio globale sempre più simile alla famigerata fattoria di 1984 e che fa strame delle identità, del concetto di famiglia, della storia e delle tradizioni locali.
Intendiamoci, certa omologazione non è un fenomeno odierno: basta avventurarsi nelle vie dello shopping di Milano, Roma, Parigi, Tokyo, Dubai e via enumerando per trovarvi negozi identici che inalberano i medesimi marchi.
La cosiddetta sinistra, ormai svelatasi assisa sul trono del controllo globale uniformando modi, modelli e portafogli, con l’arrivo di microchip e vaccini obbligatori potrà dire compiuto il lavoro.
In questo contesto non sorprende come il mercato del porno rappresenti oggi il 72 per cento del volume d’affari internettiano, e la sua fruizione sia al 66 per cento maschile, con l’utenza femminile in costante crescita e, sic stantibus rebus, in questo mondo del 90/10 reale vedo estremamente improbabile una possibilità di reazione, di ribellione da parte di masse istupidite, capaci di reagire ad un pensiero contrastante la melassa che fa risacca nelle loro vuote scatole craniche solo con la reiterazione autistica di una domanda petulante piuttosto che con l’ingiuria preconfezionata nella migliore tradizione sinistrorsa, e confido nell’unico aiuto che credo possibile: quello che potrà giungere da Madre Natura sotto forma di catastrofe.Torniamo al maschio: le poche Donne vere rimaste dopo la pulizia etnica femminista desiderano avere accanto un vero Uomo, non un cantore castrato, che lasciano volentieri alle innumerevoli Morrigan alla scorza d’arancia ed alle newage.
La vera Donna, e quindi la Dea Madre e Guerriera, la Donna di Conoscenza e di Medicina, è sgomenta al cospetto di queste orride amebe frutto di madri castratrici, sessuofobiche, iperprotettive che hanno proiettato sulla prole, maschile in un modo e femminile in un altro, le loro turbe psichiche, nel metastatico mondo cattocomunista rese socialmente accettabili.
Ed oggi il disegno è praticamente compiuto tra donne ridotte anorgasmiche da un sistema che le ha private della femminilità ed uomini femminilizzati, esenzione dall’assunzione di responsabilità e creazione di eterni poppanti attaccati alle tette di stato mediante smart-working per gli statali, reddito di cittadinanza e azoospermia.
Passaggio al Bosco, casa editrice che si definisce “un progetto editoriale divergente rispetto ai mantra del politicamente corretto, ai demoni del pensiero unico e alle accademie del buonsenso” propone un modello culturale opposto rispetto al pensiero dominante: l’uomo guerriero, che ha un nativo e profondo rapporto con la libertà.
Ve li ricordate i sacerdoti dell’epoca matriarcale? Adoravano la Dea e costituivano il complemento della funzione sociale rivestendo il ruolo di sciamani in modo assolutamente paritario congiuntamente alle sacerdotesse con le quali formulavano vaticinii, celebravano riti e praticavano la medicina.
Tra quelle persone assolutamente consapevoli di essere parte dell’universo e della natura e delle sue forze, il ruolo sacerdotale e sciamanico non escludeva il lavoro per procacciare o trasformare il cibo e, all’occorrenza, il concorso alla difesa della famiglia e della comunità.
Fu la corruzione dei primi culti monoteisti a portare degrado, misoginia, senso di colpa e terrore con i quali tenere sotto il tallone tribù e nazioni, non di rado all’insegna del peggiore misoneismo. E non mi addentro oltre in quella che diverrebbe una noiosa disamina, poiché il concetto, già ampiamente dibattuto, è sufficientemente chiaro.
Qui intendo solo proporre una soluzione per provare a ritornare all’Età dell’Oro. Attenzione: non ho scritto la soluzione, ma una soluzione. Vale a dire la mia, che ha sì la pretesa di essere efficace, ma non di essere assoluta.
Sorpresa: la soluzione si chiama Amore: amore per noi, per il nostro corpo e per la fisicità e la sessualità senza moralistici infingimenti, per la nostra integrità, per le nostre relazioni, per l’armonia, non da ultimo all’insegna della massima non solo evangelica “ama il prossimo tuo come te stesso”.
Amare significa mollare gli ormeggi, perdere la componente egoica, abbandonare il controllo, non pretendere di cambiare l’altro, accettarci per come siamo per pervenire ad una diversa dimensione spaziale e temporale, ad una sorta di consapevolezza dell’eternità, assenza di tempo che, paradossalmente, ci proietta nell’ignoto ricordandoci però da dove veniamo.
Quindi? Quindi niente: se è vero che il guerriero è colui che non combatte, è altrettanto vero che il maschio forte non è quello in posa con il mento volitivo e l’espressione da deficiente tatuato come uno che vidi una sera a Ballando con le stelle, ma quello che non nasconde o nega le proprie debolezze, i propri timori. Il maschio è anche quello che, senza pigolare del proprio femminile ritrovato, piange ed accoglie i doni.
Cari fratelli Maschi, c’è molto da lavorare per recuperare i nostri fratelli perduti, ma se decidessimo che ne vale la pena ce la potremmo fare, e le Donne ci aiuterebbero volentieri. Ma la domanda è: ne vale la pena o non è meglio, piuttosto, lasciar fare alla selezione naturale?

Alberto Cazzoli Steiner

I viaggiatori della sera

Oggi parlo di un film uscito nel 1979 ma attualissimo: diretto e interpretato da Ugo Tognazzi alla sua quinta prova da regista, affiancato da una splendida Ornella Vanoni, I viaggiatori della sera è un film ambientato nell’anno 1980: per fronteggiare il problema del sovrappopolamento, una legge dispone che i cittadini, compiuto il cinquantesimo anno di età, si trasferiscano sotto la sorveglianza dell’Esercito della Salute Pubblica in un resort per trascorrervi quella che ufficialmente è una vacanza.I coniugi Orso, Ugo Tognazzi, e Niky, Ornella Vanoni, raggiungono accompagnati dai figli il villaggio al quale sono stati assegnati, che ben presto si rivela per quello che è: una dorata prigione dove vige l’obbligo di partecipare a giochi e ad una lotteria, il cui premio consiste in una crociera, dalla quale però nessuno dei vincitori è mai tornato.
Tanto è vero che gli ospiti del villaggio-prigione deducono che i vincitori siano in realtà soppressi, accettando però la cosa come ineluttabile e trascorrendo il tempo dedicandosi ad attività sessuali, vissute da tutti in piena libertà in attesa di vincere la crociera.
Dopo varie vicissitudini i protagonisti decidono di fuggire ma, il piano naufraga e Niky viene selezionata per la crociera. Il film si conclude tragicamente, in un museo galleggiante abbandonato, che simbolicamente raccoglie i resti imbalsamati di animali ormai estinti.
C’è un altro film gerontofantascientifico, più o meno coevo del precedente ed interpretato da Annie Girardot, del quale non ricordo il titolo e che non sono riuscito a trovare nemmeno scorrendo la filmografia dell’attrice: è ambientato in un’isola caraibica dove è situata una clinica dedicata al ringiovanimento per ricchi.
Ciascun paziente dispone di un cameriere, o cameriera, personali con cui inevitabilmente ha rapporti sessuali e che, altrettanto inevitabilmente, subisce un trasferimento ad altra struttura. Il turn-over è sfrenato e ciò in Annie Girardot, nel frattempo innamoratasi del cameriere toy-boy, ingenera sospetti che la portano ad indagare all’interno della struttura sino a scoprire un ambiente refrigerato dove i corpi del personale di servizio, eviscerati, sono appesi come bovini dopo che sono state loro asportate le ghiandole endocrine e prelevato il sangue, con cui viene preparato il siero per il ringiovanimento cellulare.
E veniamo all’attualità: Vittorio Sebastiano è un biologo attivo a Stanford con il suo team che sperimenta su cellule umane nuove tecniche di riprogrammazione epigenetica, in grado di riportarle indietro nel tempo al fine di ottenere, in un futuro non lontano, il ringiovanimento cellulare, riportando indietro quello che viene definito l’orologio epigenetico, il particolare codice fisico-chimico iscritto nel Dna che rivela l’età biologica, e quanto resta da vivere.
La riprogrammazione epigenetica è l’ultima frontiera della biomedicina cellulare, in grado di riparare i danni causati dall’avanzare dell’età.
La tecnologia è stata sperimentata su pazienti ultrasessantacinquenni, riportandone l’orologio biologico indietro di almeno otto anni.
Ma l’obiettivo, dichiara il dottor Sebastiano, non è quello di allungare la vita bensì quello di migliorarne la qualità curando patologie quali artrite, malattie cardiovascolari e respiratorie, diabete, asma, cancro, Alzheimer ed in particolare considerando che gli over 65 supereranno i due miliardi nell’anno 2050. Se non li accoppano prima tutelandoli dall’immondo virus.
Ad oggi la tecnologia non è ancora stabilizzata ed il rischio è costituito da una perdita di identità delle cellule che potrebbe originare un tumore, e l’obiettivo è pertanto quello di dimostrare che le cellule riprogrammate, un volta trapiantate, si comportano come cellule giovani, in modo da poter contrastare le degenerazioni di tessuti e organi che sono all’origine di molte malattie causate dall’invecchiamento.
Riportando le cellule ad uno stadio più giovane invecchiano meno velocemente anche i livelli cognitivo e di memoria.
In rete sono disponibili numerose informazioni sulla tecnologia e sul dottor Vittorio Sebastiano.
Ed ora un’ultima annotazione: nel mondo futuro immaginato da Altered Carbon, la serie televisiva su Netflix, il sogno della vita eterna è già realtà, per i più ricchi, che nella San Francisco del 2384 potranno permettersi di comprare corpi giovani e sani nei quali trasferire la propria coscienza, immagazzinata in un microchip. Fantascienza? Forse.
Il punto è che il sogno dell’eterna giovinezza muove da sempre imponenti risorse ed ingentissimi capitali.
Se tutto questo vi ricorda qualcosa di molto prossimo a quanto sta accadendo oggi con la scusa dell’immondo virus e, specialmente se avete una certa età, vi fa temere per il vostro futuro, fate bene a temere per il vostro futuro.
A meno che non abbiate un pacco di soldi: in quel caso non c’è virus che tenga e nessuno si sognerà di deportarvi in isole della salute o in covid-resort.

Alberto Cazzoli Steiner